Approvata la proposta sull’aumento salariale in Ungheria per il 2023

Accordo raggiunto nel corso dei negoziati sul valore retributivo previsto per il salario minimo di base e sul salario minimo per i lavoratori più qualificati.

Come anticipavamo ieri, i negoziati tra i sindacati ed i rappresentanti di interessi delle aziende, che sono in corso da varie settimane, sembrano essere vicini alla conclusione. Alcuni giorni fa, un esperto ha analizzato in modo dettagliato l’aumento da aspettarsi alla fine del processo di negoziazione, continuando così il trend di crescita salariale già avviato nel 2022.

Quanto sarà il salario minimo in Ungheria nel 2023?

Stando alle informazioni di napi.hu, l’accordo sarebbe stato raggiunto tra le due parti, garantendo così i seguenti aumenti:

  • Nel caso del salario minimo di base (“minimálbér“), a partire da gennaio 2023, si registrerà un aumento del 16%, arrivando ad un valore lordo di 232 mila fiorini;
  • mentre il salario minimo per i lavoratori più qualificati (“bérminimum“, previsto per le attività svolgibili solo in possesso di almeno un titolo di studio di secondo grado) aumenterà del 14%, garantendo così una retribuzione minima lorda pari ai 296 400 fiorini.

Al negoziato di questo martedì le due parti si sarebbero messe d’accordo di sottoporre l’accordo raggiunto ad un’analisi ulteriore nel corso dell’anno in vista dei principali indici macroeconomici. Il testo definitivo dell’accordo verrà probabilmente approvato il prossimo giovedì dalle parti sociali. 

L’ultimo ostacolo da superare: diverse posizioni

L’accordo sul salario minimo, su richiesta dei datori di lavoro, conterrà anche la promessa del governo secondo la quale L’ANNO PROSSIMO LA TASSAZIONE SUL SALARIO A CARICO DEL DATORE DI LAVORO NON AUMENTERÀ E LE IMPRESE NON SARANNO SOGGETTE AD ULTERIORI AUMENTI DELLE TASSE. Inoltre, non si discute più sulla possibilità di realizzare l’aumento del salario minimo per soggetti più qualificati in due tappe.

Per quanto concerne la parte dei datori di lavoro, tutte e tre le rappresentanze hanno espresso un appoggio unanime a favore degli aumenti previsti per il salario minimo di base (16%) e per il salario minimo garantito per i soggetti più qualificati (14%). 

Tra gli sindacati: la Liga ed i Consigli degli Lavoratori si sono espressi a favore dell’adozione dell’accordo, mentre la MAMESZ (Associazione Ungherese degli Sindacati, Magyar Szakszervezeti Szövetség) non ha ancora accettato quanto proposto. Se la MASZESZ si rifiuterà di firmare l’accordo, NON SI POTRÀ ESCLUDERE, sebbene sia molto improbabile, LA MANCATA INTRODUZIONE DELL’AUMENTO CONCORDATO. 

Considerando la proposta di raggiungere un aumento pari almeno al 20% (una cifra più modesta rispetto alla proposta originale che prevedeva un aumento del 26%), MASZESZ per ora si riserva ad accettare l’accordo.

I negoziati autunnali inizialmente contavano sull’introduzione di un aumento pari al 15% per entrambe le categorie. Con l’accordo definitivo che prevede un aumento del 16% e del 14 %, i valori reali dei salari minimi rimarranno invariati nel 2023.

Fonte: Index.hu

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più recenti