Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Tag: Azienda

Óvártej (Valcolatte) investe oltre 1 miliardo di HUF a Mosonmagyaróvár

L'azienda casearia Óvártej, dal 2013 di proprietà dell'italiana Valcolatte, investe oltre 1 miliardo di HUF a Mosonmagyaróvár in Ungheria. Óvártej sta costruendo un capannone di produzione di 1.200 mq, con attrezzature che aumenteranno la capacità del 20%. Szijjártó ha concesso all'azienda una sovvenzione governativa di 294 milioni di HUF per l'investimento che preserverà 135 posti di lavoro.

CONTINENTAL INAUGURA LA PISTA DI PROVA A VESZPRÉM

Continental inaugura la pista di prova dinamica del veicolo. Come risultato dell'ultimo investimento, lo stabilimento dell'azienda tecnologica tedesca a Veszprém è ora adatto per testare funzioni di sicurezza altamente automatizzate e sistemi avanzati di assistenza alla guida, seguendo le ultime tendenze automobilistiche, che possono contribuire fortemente a tempi di ciclo di sviluppo significativamente più rapidi. "La capacità di eseguire test in un ambiente reale è un fattore chiave di efficienza per gli operatori del mercato che si aspettano un tempo di ciclo di sviluppo rapido" - ha affermato Tamás Pápai, amministratore delegato di Continental Automotive Hungary Kft. a Veszprém.

Kecskeméti Konzerv investe oltre 2 milioni di euro in IT

Kecskeméti Konzerv Kft investe 800 milioni di fiorini (circa 2,3 milioni di euro) in IT, ottenendo circa 1,2 milioni dal programma europeo GINOP. È uno dei principali produttori in Europa nella lavorazione di mais dolce e piselli. L'amministratore delegato della società János Kovács ha sottolineato che i loro fornitori erano società ungheresi, quindi il progetto ha servito due volte gli interessi dell'economia ungherese.

Viaggio di lavoro in Ungheria: niente piú quarantena obbligatoria

L'Ungheria aprirá anche a chi proviene dall'Italia, secondo le informazioni che ci ha trasmesso Consolato d'Ungheria a Milano che le ha ricevute dal Ministero degli Affari Esteri e del Commercio sul come i cittadini italiani possano entrare in Ungheria per motivi di lavoro e la rimozione dell'obbligo della quarantena.

Traduzione integrale dei decreti 104 e 105 nell’ambito del piano di protezione economica

Traduzione integrale del decreto 104 del 10 aprile 2020 con le integrazioni ai provvedimenti per il datore di lavoro nell'ambito del piano di protezione economica.

Il nuovo centro logistico Jysk creerà 300 posti di lavoro

JYSK sta costruendo un nuovo centro logistico in Ungheria con un investimento di 200 milioni di euro e creerá 300 posti di lavoro. Il governo ha fornito 3,6 miliardi di fiorini (10,2 milioni di euro) in finanziamenti per il progetto. nell'articolo le parole del ministro degli Affari esteri e del commercio Péter Szijjártó e di Allan K. Kjærgaard, Vicepresidente esecutivo della logistica, JYSK.

Le competenze che salveranno la nave. Come la formazione del capitano e dei vogatori impatta sulla vita dell’azienda

Problem solving e pensiero flessibile sono due delle competenze allenate con il metodo Accelium che salveranno la nave in questa tempesta causata dal coronavirus. Alla domanda, quali sono le competenze necessarie e come formare la nostra flotta, risponde Szilvia Szlavitsek, ITL Group Head of Training and Corporate Training che offre questo nuovo servizio di coaching e formazione aziendale.

L’Associazione dei contabili chiede un’azione immediata

MKOE, l'associazione dei contabili lancia una call to action perché la NAV agevoli le aziende ungheresi e il loro cash flow ai tempi del coronavirus. Alessandro Farina, Amministratore unico di ITL Group aggiunge che "la MKOE ha fatto questa call to action che mostra la stessa richiesta di agire per facilitare il cash flow aziendale degli studi internazionali con cui ci stiamo confrontando, e noi sicuramente ci auguriamo che la NAV faccia delle proposte che vadano incontro alle aziende.

Articoli più letti