Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Il sussidio salariale può essere richiesto anche dopo le due ore di lavoro al giorno

Le camere, i gruppi di interesse e il governo concordano sul fatto che l‘estensione del sussidio salariale per la protezione del lavoro è adatta per preservare i posti di lavoro, ha annunciato György László, Ministro per la pianificazione e regolamentazione economica, in una conferenza stampa presso il Ministero dell’innovazione e della tecnologia (ITM) lunedì a Budapest.

https://www.facebook.com/gylaszloitm/photos/a.296711694241799/639556849957280/?type=3&theater

György László ha affermato che la domanda di sostegno salariale per la tutela del lavoro sarà semplificata e il numero di beneficiari sarà ampliato, richiedendo il supporto in modo semplice e rapido compilando i moduli disponibili su https://nfsz.munka.hu/

Tra i cambiamenti, ha sottolineato che il sussidio sarà disponibile anche dopo 2 ore di lavoro al giorno. Inoltre, le aziende possono richiedere un prestito di 2 anni, che mantiene un posto di lavoro con un tasso d’interesse solo dello 0,1%, per uno stipendio di 9 mesi. Il decreto del governo che modifica il sussidio salariale potrebbe essere pubblicato già da lunedì sera.

Le modifiche sono state descritte in dettaglio dal ministro per la politica occupazionale, Sándor Bodó il quale ha dichiarato che lo stipendio base per il giorno di presentazione della domanda è preso in considerazione nella sovvenzione. Il sostegno salariale copre i lavoratori in orario di lavoro, il telelavoro e il lavoro da casa, le agenzie di lavoro interinale e quelle associazioni e ONG che non beneficiano del bilancio. A causa delle norme dell’UE, anche coloro che ricevono sussidi salariali dai fondi dell’UE non possono ricevere sussidi statali.

I requisiti sono semplificati dal fatto di non dover spiegare la causa delle difficoltà economiche. Modifiche ai contratti di lavoro, accordi sulla riduzione dell’orario di lavoro e tempo di sviluppo individuale non devono essere conclusi individualmente con tutti i dipendenti, poiché i contratti di lavoro sono modificati in virtù di un decreto del governo.

Il lavoro part-time di 2 ore al giorno è reso possibile dal fatto che il limite superiore per l’orario di lavoro perso aumenta al 75 percento. I dipendenti sovvenzionati non possono essere impiegati in lavori straordinari durante il periodo di erogazione, ma l’obbligo di personale si applica anche solo a loro, non a tutto il personale, ha aggiunto il ministro.

László Parragh, presidente della Camera di commercio e dell’industria ungherese (MKIK) ha definito efficaci le misure del governo, ma ha sottolineato che la crisi ha richiesto sforzi sia da parte dei datori di lavoro che dei dipendenti. Secondo László Parragh, il pericolo di panico non è più una minaccia, le aziende stanno cercando di adattarsi alla nuova situazione, e presto sarà tempo di ricominciare, e persino di fare sviluppi.

Oltre alle modifiche annunciate, il capo del gruppo di interesse ha accolto con favore il fatto che la carta Széchenyi sarà ampliata con elementi di conservazione e sviluppo del lavoro e che i negoziati con il governo continueranno. La situazione è in continua evoluzione, si apprezza l’importanza di una decisione rapida, quindi è anche favorevole che le soluzioni semplificate guadagnino terreno tagliando la burocrazia – ha sottolineato László Parragh.

Fonte: Kormany.hu

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti