L’OECD prevede una crescita del 6,9% nel 2021

L’OECD (Organisation for Economic Co-operation and Development)  prevede che il PIL dell’Ungheria crescerà del 6,9% nel 2021, per poi rallentare al 5% nel 2022, secondo l’ultima previsione biennale.

L’ultimo rapporto rilasciato dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD) dichiara che la crescita economica globale rallenterà dal 5,6 per cento di quest’anno al 4,5 per cento l’anno prossimo e al 3,2 per cento nel 2023.

Secondo i dati dell’OECD, la ripresa sarà guidata principalmente dalla domanda interna. Il consumo privato continuerà a beneficiare di redditi reali più alti. Gli investimenti rimbalzeranno grazie ai crescenti vincoli di capacità industriale e agli afflussi di fondi UE.

Nell’Economic Outlook, si legge che l’inflazione globale rimarrà alta, riflettendo i vincoli dell’offerta e un mercato del lavoro rigido. L’OECD prevede un aumento dell’inflazione media annuale dal 5% nel 2021 al 6% nel 2022. 

L’OECD ha detto che la politica fiscale “rimarrà espansiva” nel 2022, prima di “consolidarsi gradualmente” nel 2023.

Inoltre, il tasso di disoccupazione in Ungheria scenderà dal 4% di quest’anno al 3,5% l’anno prossimo, e potrebbe salire al 3,6% nel 2023, secondo le previsioni dell’OCSE.

Il rapporto debito pubblico/PIL scenderà dal 79,1% di quest’anno al 77% nel 2022, per poi scendere al 76,2% nel 2023.

Fonte: profitline.hu; OECD | Fonte immagine: OECD

ARTICOLI RECENTI

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti