Il mondo è in debito con la terra per 156 giorni, l’Ungheria per 207 giorni

0
69

Nel 2022, il giorno di overshoot globale è caduto il 28 luglio; abbiamo esaurito le risorse che il pianeta riesce a rigenerare nel corso di un anno. Per 156 giorni, consumeremo in anticipo risorse destinate ai consumi futuri.

Questa tragica ricorrenza In Ungheria è arrivata ben prima della media globale; è dall’8 giugno che il Paese è in debito con il pianeta.

I calcoli vengono effettuati annualmente da Global Footprint Network, un’organizzazione internazionale basata sull’impronta ecologica nazionale e sui dati sulla biocapacità 

Questa giornata avverte tutti noi che l’uso eccessivo delle risorse da parte dell’uomo, porta alla perdita di biodiversità, emissioni di gas serra estremamente elevate e una maggiore competizione per cibo ed energia. Questa tendenza va avanti da più di 50 anni e si manifesta in ondate di calore, incendi boschivi, siccità e inondazioni.

Secondo una ricerca del Global Footprint Network, più di 3 miliardi di persone vivono già in paesi in cui producono meno cibo di quello che consumano e il loro reddito è inferiore alla media globale. Ciò significa che la capacità alimentare è inadeguata e hanno difficoltà ad accedere al cibo sui mercati globali. Se prendiamo in considerazione tutte le risorse, non solo il cibo, circa 5,8 miliardi di persone nel mondo sono esposte a questa doppia sfida. Queste tendenze sono rafforzate dalla pandemia e dalla guerra in Ucraina, riducendo ulteriormente la sicurezza dell’approvvigionamento alimentare.

Il pianeta Terra potrebbe crollare se, in pochi decenni, 10 miliardi di persone non modificheranno lo stile di vita delle 7,4 miliardi di persone di oggi.

“La sicurezza delle risorse è diventata un parametro importante della forza economica. Non aspettare accordi internazionali è nell’interesse di ogni città, azienda e paese che intende proteggere la propria capacità di operare contro i futuri cambiamenti climatici”, ha affermato Mathis Wackernagel, fondatore del Global Footprint Network.

Invertire le tendenze non è solo possibile, ma anche un vantaggio economico per i pionieri. Esistono diverse soluzioni che sono anche economicamente vantaggiose e aiutano a posticipare il giorno del superamento, ad esempio:

– Lo sviluppo dell’infrastruttura ciclistica urbana sul modello olandese in tutto il mondo potrebbe posticipare la data di superamento di 9 giorni,
– La produzione competitiva di energia eolica offshore, simile a Danimarca e Germania, potrebbe posticipare la data di superamento di almeno 10 giorni.

È tempo per le aziende di avere il coraggio di affrontare gli effetti ambientali delle loro operazioni, di calcolare la propria impronta e di trovare soluzioni innovative per ridurre l’onere ambientale delle loro operazioni, anche a piccoli passi.
Sono tanti i business heroes consapevoli del fatto che questo è il momento di agire. Questi leader uniscono le forze in Ungheria nell’universo Atlas World; la community di business heroes che vogliono scrivere una nuova pagina di storia nel nome dell’etica, della sostenibilità e della creatività.

Ad ottobre verrà premiato il leader che ha saputo produrre un cambiamento reale nella società; chi pensi incarni al meglio questi valori? Nomina ora il tuo business hero 2022 → https://nominate.atlasworld.hu/

Fatti su Overshoot Day:

  • La biocapacità di 1,75 Terre potrebbe attualmente rinnovare risorse sufficienti per soddisfare i bisogni dell’umanità.
  • Le emissioni di carbonio rappresentano il 60% dell’impronta ecologica del pianeta. Per frenare il cambiamento climatico, questo deve scendere a zero entro il 2050, senza aumentare le altre componenti dell’impronta.
  • 3 miliardi di persone vivono in paesi dove producono meno cibo di quello che consumano e il loro reddito è al di sotto della media mondiale.
  • Il cibo occupa il 55% della biocapacità della Terra.
  • 5,8 miliardi di persone, ovvero il 72% della popolazione terrestre, vivono in paesi dove c’è un deficit di biocapacità e dove il reddito rimane al di sotto della media mondiale.
  • Nel 2022, il giorno di superamento globale e l’ultimo giorno dell’anno sono separati da 156 giorni.
  • Come risultato di 50 anni di consumo eccessivo, il disavanzo annuale accumulato ammonta attualmente a 19 anni. Il risultato di ciò è il diffuso declino dell’ecosistema e l’arricchimento dei gas serra nell’atmosfera.
  • Se l’umanità posticipa l’overshoot di 6 giorni all’anno, entro il 2050 1 pianeta sarà sufficiente per soddisfare i bisogni. Per seguire lo scenario di 1,5 gradi dell’IPCC, dovremmo posticipare il superamento di 10 giorni all’anno.
  • Ci sono molte soluzioni disponibili ed economicamente disponibili, che possono essere utilizzate per ritardare il superamento. Le aziende che offrono e applicano tali soluzioni dovrebbero aumentare di valore, mentre quelle che contribuiscono all’overshooting dovrebbero diminuire di valore.