Green Business Forum 2014: esempi pratici di business sostenibili

Il  Green Business Forum 2014 di Budapest, organizzato da EuCham European Chamber, ha messo in evidenza le opportunità offerte dall’ottimizzazione dell’uso delle risorse in termini di aumento del PIL e creazione di nuovi posti di lavoro. Gli accordi di collaborazione tra il settore pubblico e quello privato possono essere una della strada da perseguire per favorire tali processi. Master of ceremony del Green Business Forum 2014 è stato Alessandro Farina di ITL Group.

Attraverso i vari interventi, il forum ha fornito un’ampia panoramica sul business sostenibile, permettendo inoltre alle imprese locali di incontrare nuovi partner. Diverse le idee innovative presentate prima e durante la discussione, anche con stand espositivi. Ottima la partecipazione, che ha contato in tutto 130 realtà green provenienti da più di 25 paesi. Michele Orzan, Presidente di EuCham, ha spiegato la correlazione esistente tra la trasparenza delle pratiche di business dei paesi e la sostenibilità, utilizzando statistiche ed indici di Transparency International e della Banca Mondiale. Il Forum ha ricevuto il sostegno del Commissario Europeo per l’Ambiente 2014-2020 Janez Potočnik, che ha evidenziato in un messaggio il bisogno per le aziende di integrare l’uso efficiente delle risorse all’interno della loro strategia operativa, grazie a cui sarebbe possibile ottenere risparmi netti per 600 miliardi nell’UE. L’ambasciatore danese Tom Nørring ha espresso un pensiero in linea con le parole del Commissario, affermando che „al fine di spingere le aziende a dare importanza alla sostenibilità, i governi devono operare in un’ottica di lungo periodo, tramite un approccio inclusivo”. Non sorprende quindi il fatto che il governo danese abbia dei piani ambiziosi per rendere Copenhagen la prima capitale a zero emissioni al mondo entro il 2025.Anche i consumatori dovrebbero fare la loro parte, esercitando pressioni nei confronti delle imprese. Questa idea è alla base di GreenAdvisor, una piattaforma innovativa presentata dal direttore del programma GREENWILL, Scott Abrams, che darà la possibilità a chiunque, in qualsiasi luogo, di recensire, valutare e localizzare aziende e istituzioni in base al loro grado di eco-compatibilità. Il moderatore dell’evento è stato il professor Michael LaBelle, della Central European University, che ha descritto le sfide che le organizzazioni si trovano davanti, quando vogliono implementare politiche orientate alla sostenibilità nell’area CEE. I partecipanti sono giunti alla conclusione che le misure di maggiore efficacia per promuovere la transizione ad un’economia circolare consistono nell’aumentare la consapevolezza sull’argomento, creare strutture di facilitazione e supporto e migliorare la comunicazione tra i vari stakeholder.

Comunicato Stampa Eucham – European Chamber

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti