Automotive in Ungheria: il 2022 guidato dal Giappone

La produzione dell’industria automobilistica, che nell’estate 2022 aveva registrato un aumento da record, nel mese di novembre 2022 si conferma il più importante settore manifatturiero ungherese rappresentando il 26% dell’intera produzione manifatturiera, e supera l’anno precedente del +23%, nonostante la carenza di semiconduttori, secondo i dati dettagliati rilasciati dall’Ufficio centrale di statistica (KSH).

  • La produzione di veicoli stradali è aumentata del 19,9% e la produzione di componenti per veicoli stradali del 26%.
  • La crescita del segmento è diminuita rispetto al 32,1% di ottobre 2022.

I concessionari del marchio Toyota hanno venduto 15.102 veicoli nel 2022.

I concessionari del marchio Toyota hanno venduto 15.102 autovetture e veicoli commerciali leggeri in Ungheria lo scorso anno, dando alla casa automobilistica giapponese una quota di mercato dell’11,7%, ha dichiarato Richárd László, direttore nazionale di Toyota Central Europe, durante una conferenza stampa, secondo quanto riportato da autopro.hu.

Fonte: www.toyota.hu

Escludendo le riesportazioni, le vendite di Toyota sono state 14.810, con una quota di mercato del 14,4%. László ha sottolineato che le vendite di auto nuove e veicoli commerciali leggeri in Ungheria sono scese dell’11% a 129.916 unità lo scorso anno, citando i dati compilati da Datahouse. Quest’anno, Toyota prevede di vendere 15.100 auto e LCV in Ungheria, ha dichiarato László.

Il 2022: un primato conteso

La settimana scorda scrivevamo che il 2022 ha visto Suzuki alla guida del mercato automobilistico ungherese, per il settimo anno consecutivo con una quota del 12,43%, come dichiara qui Magyar Suzuki Zrt, terza più grande azienda manifatturiera del Gruppo Suzuki dopo Giappone e India e l’unica in Europa.

Secondo quanto dichiara Toyota questo primato andrebbe invece al gruppo Toyota, che scrive così nel proprio comunicato stampa: “per la prima volta nella sua storia, Toyota è diventata leader di mercato in Ungheria nell’intero mercato nel 2022. Agli acquirenti di auto nuove in Ungheria non piace nessun marchio automobilistico tanto quanto Toyota, che è diventata sinonimo di guida ecologica nell’ultimo quarto di secolo: il marchio automobilistico giapponese ha aumentato le sue vendite del 4,9% nel 2022 e ha venduto 15.102 auto nuove del 10,9% nel mercato ungherese delle auto nuove in calo, aumentando così la propria quota di mercato di 1,8 punti percentuali e guadagnando il primo posto nel nostro Paese con una quota di mercato dell’11,7%.”

Toyota potrebbe dover il suo vantaggio alle sue auto elettriche ibride a ricarica automatica che rispettano l’ambiente e consentono fino al 50-80% di guida esclusivamente elettrica e senza emissioni nel traffico cittadino. E recentemente ha introdotto anche auto elettriche ibride plug-in ed elettriche a batteria.

Nel 2022, il 20,4% delle auto nuove immatricolate in Ungheria, ovvero non meno di 26.338 auto, sono state ritirate dalla circolazione entro 7 mesi, il che indubbiamente distorce il quadro del mercato. 

AutoWallis acquisisce Net Mobilitas

Il venditore di auto quotato in borsa AutoWallis, come aveva preannunciato a settembre, ha dichiarato venerdì 13 gennaio di aver firmato il contratto per l’acquisizione di Net Mobilitas, l’azienda dietro joautok.hu.

AutoWallis pagherà, con azioni proprie, un prezzo fisso di 320 milioni di fiorini e un earn-out di 480 milioni di fiorini in due anni. L’operazione “rafforzerà i progetti di sviluppo in corso, capitalizzando le opportunità di cooperazione all’interno del gruppo”, ha dichiarato AutoWallis, sottolineando l’importanza di “rispondere alle esigenze di trasformazione dei modelli di distribuzione”.

Inoltre dichiara un aumento delle vendite del 25%.

Fonte foto: www.toyota.hu | Penzcentrum

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più recenti