Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Quanti turisti visitano l’Ungheria? Da dove provengono?

LEGGI QUI L’AGGIORNAMENTO 2020

Con 1,2 milioni di pernottamenti in Ungheria da parte di turisti stranieri, il mese di ottobre 2017 ha visto una crescita dell’1,5% su base annua, cui si aggiunge il +10,7% di incremento delle notti in albergo da parte dei visitatori ungheresi, sempre rispetto all’ottobre 2016.

I profitti, tuttavia, sono rimasti pressoché invariati per quanto riguarda gli alberghi e sono aumentati quelli di case vacanze. Il tasso di occupazione delle stanze negli alberghi è stato del 60,7% ed è aumentato dell’1,4% su base annua. Tra gennaio e ottobre 2017 sono stati registrate 25,7 milioni di notti negli alberghi ungheresi a scopo turistico, con una crescita del 6,7% rispetto allo stesso periodo l’anno precedente. La crescita dei turisti internazionali è stata dell’+8% a 13 milioni e quella delle stanze occupate da turisti provenienti da altre parti del Paese è salita del 5,4% a 12,7 milioni.
Il numero dei viaggi di lavoro verso l’Ungheria è salito a 274mila nel terzo trimestre, rispetto ai 238mila del primo trimestre.

Chi sono i turisti che visitano l’Ungheria?

L’ultima tabella regione per regione del KSH (l’Istat ungherese) sulla provenienza di ha viaggiato verso l’Ungheria nel terzo trimestre 2017 è guidata dai Paesi limitrofi: oltre 3,5 milioni di viaggi dalla Romania, 3,4 milioni dalla Slovacchia e 2,5 dall’Austria. A seguire troviamo la Germania (1,38 milioni) e gli arrivi da Serbia e Montenegro, pari a 1,154 milioni.

E gli italiani? 269mila i viaggi dall’Italia, con oltre 1 milione di giorni aggregati trascorsi nel Paese e durata media del soggiorno di 3,8 giorni. La spesa media per persona, sempre nel caso dei connazionali, è risultata di 17100 fiorini (circa 54 euro).

Il turismo ungherese tra il 2008 e il 2017

Dopo aver risentito della crisi economica mondiale tra il 2008 e il 2009, aveva ripreso a crescere nel biennio 2010-2011, per poi vedere una nuova flessione nel 2012. Da quella fase in poi le attività e il dispiego di risorse verso la promozione del Paese è stato rafforzato e reso più sistematico. Questo tanto verso l’interno, con incentivi a viaggiare all’interno del Paese elargiti ad esempio a i lavoratori sotto forma di carte ricreazionali (Szép Kartyak), quanto a livello internazionale promuovendo soprattutto specifici aspetti della tradizione e cultura ungherese (terme, mercatini, artigianato locale, prodotti tipici). I risultati sono riscontrabili nei ripetuti record di arrivi all’aeroporto di Budapest, ma anche nei dati sull’occupazione delle camere d’albergo e nella spesa media dei turisti internazionali in Ungheria. Se nel 2014 gli arrivi presso gli esercizi alberghieri ungheresi erano poco sopra ai 10 milioni l’anno, il 2016 è stato archiviato con 11,6 milioni di arrivi.

http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/turismo-in-ungheria-previsto-il-riavvio-estivo-locale-e-con-nuove-tendenze/

Leggi qui i nostri articoli sul turismo in Ungheria

Articoli recenti

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti