Ungheria: inflazione da record, fiorino ai minimi storici

L’inflazione annua é stata dell’11,7% a giugno, cosa che non accadeva in Ungheria dalla seconda metà degli anni ’90 o 1998, secondo l’Ufficio centrale di statistica (KSH). Il livello dell’aumento dei prezzi si sta quindi avvicinando al 14-16% previsto dalla MNB per settembre.

L’inflazione primaria ungherese (HUCPIY=ECI) ha superato le previsioni degli analisti. L’ inflazione core (HUCPIC=ECI), calcolata con una metodologia rivista, è salita al 13,8% dal 12,2% di maggio, 

Fonte: https://www.ksh.hu/docs/hun/xftp/gyor/far/far2206.html

L’inflazione è aumentata ulteriormente anche se il governo continua a limitare i prezzi del carburante, le bollette dell’energia e i prezzi di alcuni generi alimentari di base, nonché i tassi dei mutui.

Ad aprile 2021, il KSH non include più i prezzi di alcol e tabacco nella sua cifra di inflazione di base. 

L’inflazione core destagionalizzata non include prodotti con prezzi in rapida evoluzione come carburante, energia e medicinali, e quindi, permette anche di comprendere come non sia collegato alla sola questione ucraina, alla cui vigilia l’inflazione era di circa l’8%, ha evidenzia Miklós Losoncz, Professore della Budapest Business School alla conferenza stampa di venerdí sulle sfide che l’economia ungherese deve affrontare.

L’economia ungherese sta affrontando tempi difficili: l’inflazione complessiva a maggio ha raggiunto il 10,7% e la banca centrale, che in precedenza aveva previsto un’inflazione per il 2022 compresa tra il 7,5 e il 9,9%, l’ha rivista al rialzo tra l’11 e il 12,6%.

D’altra parte, non è inaspettato, dal momento che l’Ungheria ha registrato la seconda inflazione più alta nell’Unione europea lo scorso anno. Tra l’altro per la significativa diminuzione del valore del fiorino ungherese (HUF) scrive Daily News Hungary.

Inflazione ungherese dal 2000

Inflazione ungherese dal 2000
Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mensile e annuale (%)| Indice mensile dei prezzi al consumo, stesso periodo dell’anno precedente = 100,0 (percentuale) / Indice annuale dei prezzi al consumo, anno precedente = 100,0 (percentuale) | Fonte: TELEX.HU

Indice dei prezzi rispetto all’anno scorso

Secondo KSH, negli ultimi 12 mesi, il prezzo degli alimenti e dei beni di consumo durevoli è aumentato in modo considerevole, rispetto all’aumento del prezzo dell’energia domestica e dell’abbigliamento. L’indice FAO dei prezzi alimentari (FFPI) ha raggiunto una media di 140,7 punti a febbraio 2022, il 20,7% in più rispetto a un anno fa. 

  • Rispetto allo scorso giugno, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 22,1 per cento , di cui il più significativo è stata la margarina 58,1, i formaggi 43,4, la pasta secca 39,9, il pane 39,7, il pollame 37,1, i latticini 36,5, le uova del 34,3 per cento, i dolci del 31,1, e latte del 24,9 percento.
  • Le bevande alcoliche e i prodotti del tabacco costano in media il 7,3% in più, di cui le bevande alcoliche sono aumentate del 9,5% e i prodotti del tabacco del 5,9%.
  • 12,4 percento in più per i beni di consumo durevoli, 20,1 percento in più per la cucina e altri mobili, il 19,7 percento in più per i mobili per la camera da letto, il 17,6 percento in più per le auto usate e il 12,0 percento in più per le auto nuove.
  • Il prezzo dei servizi è aumentato del 5,6%, compresi i taxi del 26,1% e i servizi per le vacanze del 10,5%.
Tasso di cambio euro (EUR/HUF): dal 4 all'8 luglio 2022 Fonte: PORTFOLIO.HU
Tasso di cambio euro (EUR/HUF): dal 4 all’8 luglio 2022 Fonte: PORTFOLIO.HU

Le ragione dietro l’inflazione

L’inflazione brutalmente alta è un fenomeno globale, si è fermata contemporaneamente nella maggior parte dei paesi del mondo, nella seconda metà del 2021. Le ragioni sono diverse, ma il ruolo più importante è giocato dall’improvviso aumento della domanda dopo l’epidemia di coronavirus, con la quale la produzione non riesce ancora a tenere il passo.

Secondo il rapporto dell’OCSE di settembre riportato da Telex, la performance economica globale ha raggiunto i livelli pre-pandemia nel secondo trimestre del 2021.I calcoli dell’OMC di ottobre mostrano che la crescita annuale del fatturato globale delle merci sarà del 10,8%, superando tutte le aspettative precedenti. 

Seguono la crisi energetica, il conflitto russo-ucraino ma non vanno sottostimate le sfide interne al paese ed il crollo del fiorino. Il fiorino ungherese è ai minimi storici: in una tendenza al continuo indebolimento negli ultimi 3-4 anni, il 6 giugno ha raggiunto quota 412 per 1 euro. Non è mai stato così difficile calcolare l’ulteriore indebolimento del fiorino. Gli esperti di mercato non sono sicuri di quando si fermerà. L’economista Miklós Losoncz nota che il fiorino non puó permettersi di scendere sotto i 450-500 perché a quel livello sarebbero le persone ungherese ad andare a cambiare i loro risparmi in euro, rischiando quindi di portare ad un passaggio di fatto alla valuta europea.

L’inflazione deve essere monitorata anche per le conseguenze negative che rischia di avere sulla popolazione, afferma Daily News.

Secondo il governo, riporta Portfolio.hu, l’indebolimento del fiorino può essere ricondotto alla situazione internazionale, in primis l’aumento dei prezzi del gas, oltre alle sanzioni alla Russia. C’è indubbiamente del vero, ma il forte calo dei giorni precedenti non può più essere attribuito a questo: mentre il denaro sta defluendo dagli asset ungheresi, non vediamo un contesto di rendimenti in aumento in Occidente, nemmeno nel nostro paese più ristretto. Pertanto, ciò indica chiaramente che esistono ragioni specifiche dell’Ungheria per i prezzi delle attività ungheresi, tra le quali il debito pubblico elevato e le controversie in corso con l’Unione Europea.


Fonti: Reuters | Statista | Daily News Hungary | Portfolio

Articoli recenti

Irene Pepe
ITL Group | Marketing & Communications Manager Economia.hu | Editor-in-Chief

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti