Home Blog

Pioniere del giornalismo al femminile: parla la dott.ssa Krisztina Sándor

0

L’Associazione Dante Alighieri di Budapest ha organizzato la conferenza intitolata “Pioniere del giornalismo al femminile” che avrà luogo presso ARANYTÍZ Kultúrház, via Arany János n.10, 1051 Budapest, in data venerdì 19 aprile, dalle ore 18:00 alle 20:00.

Il principale problema dello studio del giornalismo femminile è dato dalla brevità del tempo finora dedicato alla trattazione delle fonti specifiche. È innegabile che la storiografia moderna inizia a studiare il giornalismo femminile solo nella seconda metà del Ventesimo secolo, motivo per cui molte autrici e molti articoli e testate sono ancora inesplorati in questo settore.

La conferenza sarà tenuta dalla dott.ssa Krisztina Sándor (75 minuti circa, con traduzione in
lingua ungherese), cultrice della materia presso la cattedra di lingua e letteratura ungherese dell’Università Statale di Milano, traduttrice per Bompiani, Baldini e Castoldi, Adelphi e Marsilio Editore. Lavora al Consolato Generale di Ungheria in Milano, come addetta stampa e cultura. Le sue
ricerche di dottorato si concentrano sul giornalismo femminile in Italia tra Otto- e Novecento,
con particolare attenzione alle giornaliste attive a Milano.

L’evento vedrà la partecipazione del dott. Márk Berényi, esperto di Dante Alighieri, che introdurrà la presentazione (20 minuti circa, con traduzione in lingua ungherese). Consegue il dottorato di ricerca nel 2016. La sua ricerca verte principalmente sugli studi danteschi, ma il suo interesse mira anche alla politica italiana contemporanea. Ha pubblicato articoli nella rivista Geopolitica, nonché nella Külügyi Szemle [Rassegna Estera]. I suoi precedenti datori di lavoro sono stati il Ministero degli Affari Esteri e del Commercio e Giunti Editore. Márk Berényi lavora attualmente per il Ministero dell’Economia Nazionale.

Fonte foto: IA

Giulia Caminito, Davide Calì e Luca Novelli al PesText di primavera

0

Il 26 e 27 aprile a Három Hollo tornerà il Festival letterario e culturale internazionale PesText, di cui abbiamo già scritto anche nel 2023.

Gli ospiti della due giorni del PesText Festival di Primavera, il 26 e 27 aprile a Három Hollo, saranno: Giulia Caminito, autrice del romanzo L’acqua del lago non è mai dolce, Davide Calì, creatore di libri illustrati e fumetti, Oya Baydar, una delle scrittrici più popolari e stimate della Turchia, e il portoghese David Machado, autore dell’indice di felicità media premiato con il Premio letterario dell’Unione Europea.

Si esibiranno anche il fumettista e scrittore italiano Luca Novelli e l’olandese Milo Van Bokkum, autore di un popolare libro sul significato dei confini internazionali.

Dialogheranno con loro scrittori, giornalisti e traduttori ungheresi famosi e popolari come Éva Bánki, Zsófia Czakó, Krisztián Puskár, Dávid Szél, Péter Szűcs e Bálint Urbán.

Come di consueto, le conversazioni si svolgeranno in lingua straniera (italiano, portoghese o inglese), ma gli organizzatori metteranno sempre a disposizione del pubblico un interprete ungherese.

I libri degli autori saranno disponibili per l’acquisto sul posto, e saranno disponibili anche autografi.

L’evento Facebook del programma: https://www.facebook.com/events/1392996484914437/

Giulia Caminito al festival PesText 2024

Emanuele Orsini è il nuovo presidente di Confindustria 

0
Emanuele Orsini Confindustria
Emanuele Orsini Confindustria

Emanuele Orsini è stato nominato presidente di Confindustria. Il Consiglio Generale di Confindustria ha designato Presidente Emanuele Orsini con 147 preferenze, sui 187 aventi diritto.

L’imprenditore originario dell’Emilia-Romagna prende il testimone da Carlo Bonomi e sarà al timone per il periodo 2024-2028

Nato nel 1973, ricopriva la carica di vicepresidente di Confindustria ed è alla guida di Sistem Costruzioni e Tino Prosciutti. 

Al termine di una contesa elettorale che si è distinta per essere stata una delle più polemiche e discordanti nella storia dell’associazione, caratterizzata da attacchi mediatici, comunicazioni anonime e contese interne, la priorità di Orsini sarà la riconciliazione delle divisioni all’interno di Confindustria.

“Abbiamo raggiunto, dopo un periodo elettorale estremamente arduo, l’obiettivo di unire nuovamente Confindustria, come è necessario, per rivolgere lo sguardo al futuro dell’industria italiana”. 

Emanuele Orsini, Presidente di Confindustria

Successivamente alla sua nomina, il consiglio generale del 18 aprile procederà alla votazione del programma e del team proposto per la presidenza, mentre il 23 maggio, l’assemblea dei delegati confermerà il nuovo presidente e la sua squadra.

Fonte: Il sole 24 ore

Sostenibilità del settore cartario: interviste agli esperti del settore 

0
sofidel e lucart
sofidel e lucart

In un’epoca in cui la sostenibilità ambientale è diventata una priorità inderogabile per il settore aziendale, molteplici società stanno riorientando le loro strategie per favorire un impatto più positivo sul pianeta. Questo cambiamento di paradigma ci ha spinti ad avviare una serie di interviste con rappresentanti di diverse aziende del network Confindustria Ungheria per comprendere meglio come si stanno adattando a queste nuove tendenze.

In questo articolo verranno presentate le iniziative e le strategie adottate dalle aziende Sofidel e Lucart in merito alla sostenibilità. 

L’obiettivo del nostro intervento è quello di arricchire la comprensione collettiva e di ispirare altri membri della nostra comunità imprenditoriale e del network di Confindustria Est Europa a intraprendere azioni simili.

Nell’articolo abbiamo esplorato le iniziative e le innovazioni che le aziende del settore cartario stanno adottando nel breve e medio termine per mitigare l’impatto ambientale delle loro operazioni. 

Abbiamo chiesto ai nostri interlocutori quali sono le tecnologie o innovazioni specifiche che stanno implementando per ridurre l’impatto ambientale delle operazioni nel breve e medio termine. In una visione a lungo termine, invece, abbiamo chiesto quali potrebbero essere le sfide più significative che stanno affrontando per misurare l’impatto ambientale al fine di raggiungere gli obiettivi di lungo termine. Infine, ci siamo informati su quali potrebbero essere i loro KPIs (Key Performance Indicators) che utilizzano per valutare i progressi verso la sostenibilità. 

Ringraziamo il Dott Omar Balducci, Sales Director AFH CEE and AMEA, Group Advisor di Lucart Group e il Dott Riccardo Balducci, Group Sustainability Director di Sofidel per aver risposto alle nostre domande. Ci piace pensare che la casualità di avere due esperti del settore cartario con lo stesso cognome si ricolleghi alla specificità del territorio italiano che ospita l’eccellenza dell’industria cartaria in Italia, tra cui spicca Lucca, la “Provincia della Carta”, che ospita entrambe le aziende nel suo territorio.

Omar Balducci, Sales Director AFH CEE and AMEA, Group Advisor di Lucart Group

Il settore cartario da molti anni è fortemente impegnato nella riduzione degli impatti ambientali legati alle proprie attività. Avendo individuato gli impatti principali nell’approvvigionamento delle materie prime fibrose, nei consumi energetici e nei consumi idrici, ci siamo mossi da tempo per ridurre gli impatti legati a questi aspetti e siamo determinati a ridurli ancora nei prossimi anni. 

Le materie prime fibrose vergini provengono da catene di custodia certificate che assicurano la gestione sostenibile delle risorse forestali. Ben il 56% delle nostre materie prime fibrose è composto da carta da riciclare e contiamo di raggiungere il 60% entro il 2030

Per quanto riguarda l’energia, già alla fine degli anni 80’ del secolo scorso abbiamo investito nell’autoproduzione di energia elettrica e termica (le cartiere hanno bisogno anche di calore) con turbine in cogenerazione ad alta efficienza e oggi stiamo investendo nelle energie rinnovabili come il fotovoltaico, l’eolico e le biomasse. 

Infine i consumi idrici: abbiamo l’obiettivo di arrivare al 2030 con consumi 8 m3 di acqua per tonnellata di carta prodotta contro una media di settore che supera i 20 m3, il percorso fatto fino ad oggi è stato molto virtuoso e contiamo di continuare a migliorare riducendo tutti gli impatti legati alle nostre produzioni.

Riccardo Balducci, Group Sustainability Director, Sofidel

Nel realizzare prodotti in carta tissue per l’igiene delle persone e degli ambienti domestici e di lavoro, Sofidel fa della sostenibilità una leva strategica di sviluppo e di crescita, ponendosi l’obiettivo di ridurre al minimo gli impatti sul capitale naturale, per favorire la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio.

Sofidel è stata la prima azienda manifatturiera italiana, e la prima al mondo nel settore tissue, ad aver aderito nel 2008 al programma internazionale WWF Climate Savers (oggi, Climate Business Network), impegnandosi a raggiungere ambiziosi traguardi di riduzione volontaria delle emissioni climalteranti. Dal 2009 al 2020 Sofidel ha ridotto del 24% le emissioni dirette di CO2 (carbon intensity) in atmosfera.

Nel 2020, dopo i risultati ottenuti con il programma WWF, Sofidel ha fissato nuovi obiettivi di decarbonizzazione al 2030, che sono stati approvati da Science Based Targets (SBTi), organizzazione internazionale che aiuta le aziende a perseguire obiettivi di riduzione dei gas climalteranti in linea con la scienza. Questi obiettivi sono stati riconosciuti come coerenti con le riduzioni necessarie per limitare il riscaldamento globale ben al di sotto i 2°C, secondo quanto richiesto dall’Accordo di Parigi.

Target Sofidel al 2030

Negli ultimi anni, l’azienda ha investito oltre un miliardo di euro per costruire nuovi stabilimenti greenfield caratterizzati da elevati standard ambientali, nuove tecnologie e maggiore efficienza energetica degli impianti e dei processi produttivi. Nel suo impegno verso un’economia a basso impatto di carbonio, Sofidel sta attuando una strategia multi-opzione per l’incremento dell’utilizzo di energia elettrica proveniente da fonti rinnovabili attuata sulla base dei contesti nazionali dei Paesi in cui opera: normative, condizioni climatiche, infrastrutture, risorse naturali, incentivi.

Net Zero entro il 2050 

Nel 2023, Sofidel si è impegnata ulteriormente per raggiungere il “Net Zero” entro il 2050, ovvero la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra e la conseguente rimozione delle emissioni residue fino al punto più vicino possibile allo zero lungo tutta la catena del valore. La strategia per raggiungere il “Net Zero” si basa su un piano articolato, che guarda non solo alle attività industriali direttamente gestite da Sofidel, ma anche al coinvolgimento degli attori di tutta la filiera di fornitura, e anche alla progressiva maturazione di alcune opzioni tecnologiche a oggi dai costi non accessibili.

Tra le azioni più significative rientrano la possibile elettrificazione di alcuni processi produttivi, l’utilizzo crescente di combustibili di origine biologica e l’impiego di idrogeno verde. 

Riduzione dell’incidenza della plastica 

Agli obiettivi di riduzione delle emissioni, si aggiunge l’impegno Sofidel per dimezzare l’incidenza della plastica convenzionale nella produzione entro il 2030, rispetto al 2013, attraverso la riduzione dello spessore del film plastico impiegato nel processo produttivo, l’introduzione di nuovi packaging in carta kraft, e il progressivo impiego, in alcuni mercati, di plastiche riciclate o di bioplastiche. Al 2022, l’incidenza della plastica nel processo produttivo Sofidel è stata ridotta del 38,2%.

Intervista alla Presidente del Comitato Dante Alighieri di Budapest: Dottoressa Edit Császi

0
Dott.ssa Edit Császi
Dott.ssa Edit Császi

Abbiamo avuto il piacere di intervistare la Dottoressa Edit Császi, Presidente del Comitato Dante Alighieri di Budapest.

Con lei abbiamo dialogato sulle attività, eventi e programmi della Dante Alighieri a Budapest e di come il Comitato si posizioni nell’epoca attuale di digitalizzazione.

Potrebbe raccontarci del suo percorso professionale e di come è diventata la presidente del Comitato di Budapest della società Dante Alighieri?

Prima di tutto, grazie di avermi invitata. Sono molto lieta di essere qui.

Dopo essermi laureata in Pedagogia, grazie a una borsa di studio ho avuto la possibilità di andare in Italia per studiare la lingua. Ho frequentato una scuola di lingua e cultura italiane della Dante Alighieri; quindi, diciamo che il primo incontro con questa istituzione l’ho avuto a Siena. Successivamente, ho frequentato il Dams a Bologna e, in seguito, ho cominciato a lavorare come interprete e traduttrice.

Sono stata poi assunta presso la Tigaz, che a quell’epoca era stata privatizzata dall’Italgas di Torino, dove ho lavorato per quasi dieci anni ricoprendo diversi ruoli. All’inizio ho lavorato come prima segretaria dell’ingegner Marinò, amministratore delegato della società. Visto che in quell’azienda si parlava di economia e commercio, ho deciso di conseguire un’altra laurea in questa materia. In seguito, ho lavorato nell’ufficio contabilità della Tigaz.

Poi, tra la famiglia e i figli, mi sono allontanata dal mondo del lavoro. A Budapest ho cominciato a lavorare alla Banca Nazionale, dove lavoro ancora oggi nella parte della tutela dei clienti, che è un compito molto bello.

Pian piano, però, è cominciata a mancarmi l’Italia e la cultura italiana. Una mia amica che si era trasferita in Germania, Beatrice Santini, presidente della Dante Alighieri di Düsseldorf, mi ha fatto notare che a Budapest non c’era la Dante. Lei è una regista di opere, cantante lirica, pianista, compositrice e io pensavo di non essere così titolata come lei. Beatrice però mi ha ricordato quanto amassi la cultura italiana, quanto fossi praticamente presente in essa e che avevo insegnato la lingua, fatto l’interprete, frequentassi amici italiani e fossi brava nell’organizzare. E così abbiamo mandato il mio curriculum a Roma che è stato accettato e abbiamo fondato qui a Budapest il Comitato Dante Alighieri.

Nella fotografia il Dott. Alessandro Masi, segretario generale di Dante Global, conferisce alla Presidente Edit Császi la medaglia dell’Associazione Dante Alighieri. 

Qual è la missione del Comitato Dante Alighieri di Budapest?

Come sappiamo, la Dante in tutto il mondo è presente in 80 paesi e quasi 500 comitati, di cui 400 fuori dal territorio italiano. Ogni comitato, come il nostro di Budapest, oltre a diffondere la lingua, la cultura e, più in generale, lo stile italiano, prende in considerazione le esigenze locali. Assieme ai miei collaboratori ho constatato, ad esempio, che qui a Budapest ci sono molte famiglie italiane con bambini ed io, visto che ho tre figli e una laurea di pedagogia, ho capito che, per esempio, non c’era né una scuola materna né un asilo nido italiani. Per una famiglia italiana con figli che non vuole perdere la propria lingua e cultura, questo comporta una difficoltà. E poi ci sono quelle famiglie che sono metà ungheresi e metà italiane ed anche lì c’è lo stesso desiderio. Quindi, qui in Ungheria  il bambino comunque imparerà l’ungherese, però con l’italiano come fa? Una mamma, un papà come fanno a insegnarlo se lavorano tutto il giorno?

Per questo motivo, già da quest’anno faremo partire dei campi estivi. Siamo anche molto fortunati perché il vicepresidente, il Dottor Alessandro Gilioli, ha 12 cavalli: non uno, o due cavalli, 12! Di questi ci sono anche cavalli addestrati ad uso terapeutico; quindi, aspettiamo anche bambini che potessero averne bisogno, visto che, come sappiamo, la terapia con il cavallo è un’attività molto valida che aiuta veramente. Magari durante l’anno scolastico è difficile portare i bambini a svolgere questo tipo di terapia; invece, d’estate c’è più tempo. Inoltre, in un’ottica di portare i figli a fare qualcosa di giusto ed educativo, ma anche divertente, non solo ci sarà la possibilità di cavalcare, ma si potranno anche fare altre attività: arte, scienza, spettacolo, sport, musica, danza. A breve pubblicheremo le attività di questi campi estivi e aspettiamo bambini sia ungheresi, che italiani che di italo-ungheresi.

Oltre questo, continueremo a fare tanti programmi culturali, come quelli che abbiamo già fatto. Ad esempio, rifaremo il concerto Giovani Talenti. Per noi i giovani sono importanti e vogliamo concedere loro un palcoscenico, soprattutto se non hanno ancora un nome. L’altro argomento importante è la salute, a cui abbiamo già dedicato un evento. 

In che modo la società si adatta alle sfide attuali, come ad esempio la digitalizzazione e l’intelligenza artificiale per mantenere viva la cultura italiana?

Ringrazio per la bellissima domanda. Siamo ancora giovani, visto che ci siamo costituiti l’anno scorso, siamo su Facebook e Instagram e cerchiamo di essere sempre più presenti. Dal punto di vista della realtà virtuale, siamo fortunati di avere con noi la Consigliera della Presidenza, Dott.ssa Ágnes Jenei, che è una docente universitaria sulla realtà virtuale. Con lei pensavamo di fare un programma per imparare la lingua italiana con l’aiuto della realtà virtuale. È un servizio che ancora non esiste, ma che stiamo sviluppando. La metodologia usata proviene da una startup italiana.  

Quali opportunità di collaborazione con altre organizzazioni culturali educative sono state esplorate o realizzate? Ci racconti, ad esempio, del recente evento organizzato “Longevità in buona salute e il ruolo della dieta”.

Come dicevo, per noi è molto importante il ruolo della salute. Quando si parla di cultura, molte volte pensiamo all’opera, al teatro, allo spettacolo, alla musica, alla scultura, alla pittura. È tutto vero, però nella cultura c’è anche la salute: si parla della cultura del mangiare, del vivere la nostra vita sana con un corretto benessere, degno di noi. Proprio per questo motivo abbiamo voluto creare queste serate sulla salute. La Dottoressa Ágnes Jenei che conosce e collabora con il Professor Roberto Volpe, scienziato e cardiologo preventivo, gli ha chiesto se voleva partecipare a questa iniziativa e lui ha accettato. È un nome molto conosciuto in Italia, ma anche a livello internazionale per la nutrizione e sul vivere sano. In Ungheria, però, lo è di meno. Quindi per introdurlo abbiamo chiesto aiuto all’Accademia della Cucina Italiana: abbiamo pertanto chiamato  il Generale Michele Fasciano e la Dottoressa Maria Carmela Gaetani. Durante l’evento, che è stato molto bello ed emozionante, abbiamo parlato della salute e della dieta mediterranea: noi apprendiamo, che in Italia ci sono molto meno malati di malattie cardiovascolari. In Ungheria, purtroppo, questo numero è molto maggiore. Dopo l’evento, siamo andati  a mangiare al ristorante italiano “Pomo d’Oro” dove abbiamo fatto una cena coi fiocchi. Lì ci ha  preparato il menù salutare Gianni Annoni, il proprietario.

Rispetto alle aree del globo in cui la lingua e la cultura italiana conoscono un momento di rinnovato interesse, come si colloca l’Ungheria e come la società Dante Alighieri promuove la lingua? Offre ad esempio programmi speciali o borse di studio?

Noi siamo ancora all’ inizio, ci stiamo lavorando e stiamo facendo i primi passi. Tuttavia, stiamo già pensando a fare eventi culturali con cantanti, attori e musicisti italiani presenti in Ungheria oppure vorremmo invitare degli artisti dall’Italia. Stiamo cercando di trovare una Sede qui a Budapest e trovare dei fondi per realizzare un programma che coinvolga più conservatori e più accademie musicali dove possano venire i ragazzi, gli studenti che sono, per esempio, compositori o cantanti. Noi cerchiamo soprattutto di porre attenzione sui giovani artisti. 

Ecco i prossimi eventi già programmati:

Il 19 aprile inviteremo la Dottoressa Krisztina Sándor. È ungherese, ma lavora a Milano al consolato e nel frattempo sta facendo il suo dottorato. Nella sua molto attesa serata ci presenterà i pionieri del giornalismo femminile.  

Per il 10 maggio abbiamo invitato Paolo Marzocchi, pianista, compositore ma anche docente dell’Accademia di Ravenna dove insegna composizione. Ci porterà un concerto europeo, visto che è amante della musica di Liszt.

Ci sono anche dei corsi diretti verso la realtà imprenditoriale italiana. Vorrebbe dirci qualcosa in proposito?

Budapest è una grande città dove ci sono vari istituti italiani e società dove insegnano italiano. Per questo motivo, noi non cerchiamo di tenere corsi di lingua già presenti, ma cerchiamo di organizzare corsi di lingua non ancora soddisfatti dal mercato. Per esempio, abbiamo visto che i corsi professionali specialistici mancano. Vediamo anche che i manager italiani in Ungheria, che vorrebbero imparare l’ungherese, cercano corsi più specifici per le loro esigenze. Cerchiamo quindi di colmare le lacune del mercato, rispettando tutte le altre entità.

Come vede il futuro del Comitato Dante Alighieri di Budapest? Ci sono progetti o iniziative future che può condividere? Ad esempio ci ha parlato della serie di eventi chiamate “Serate della Salute” e altri eventi in programma. Le piacerebbe condividere qualcosa di merito?

Cerchiamo di fare ogni mese un evento culturale, però speriamo che, in futuro, quando saremo più conosciuti e avremo più soci, riusciremo a fare più programmi. Ci sono tante possibilità, ma per ora siamo limitati: tutte queste attività hanno un costo ed, essendo un’associazione, non possiamo far pagare il biglietto d’ingresso. Chi se la sente e ha voglia può prendere un Biglietto Sostenitori oppure può associarsi con la quota associativa.

Colgo quindi l’occasione per invitarvi a diventare nostri soci o nostri sostenitori.

Cerchiamo di fare dei programmi un po’ per tutti. Ad esempio, ora stiamo organizzando i campi estivi per i bambini, ma il nostro scopo nel futuro è quello di creare la scuola materna. Guardando ad altre età, abbiamo organizzato il concerto Giovani Talenti che vorremmo riproporre regolarmente. Invitiamo però tutti gli artisti che vivono a Budapest che sono italiani o che amano la cultura italiana perché vogliamo dare la possibilità a tutti di esibirsi. 

Ogni tanto poi invitiamo anche personaggi dall’Italia, come per esempio il Professor Alessandro Masi che è il segretario generale della Dante Global. È uno storico dell’arte ed uno scrittore. Vorremmo tradurre in ungherese il suo ultimo libro: Vita Maledetta di Benvenuto Cellini. Per l’autunno stiamo organizzando un festival culturale e lui sarà presente nel Festival della Dante in questo Festival Dante qui a Budapest per presentare il suo libro.

Un altro nostro progetto riguarda organizzare un evento con 7-8 conservatori in modo da chiamare giovani musicisti. 

In conclusione, come può il pubblico contribuire o partecipare all’attività del Comitato Dante Alighieri di Budapest? Ad esempio, ha citato la tessera associativa.

Sì, abbiamo una tessera associativa. La quota è bassissima per venire in contro a tutti: vi consiglio di andare a vedere sul nostro sito per saperne di più. Inoltre, con la tessera associativa non si deve più pagare per partecipare agli eventi, oltre ad altre agevolazioni, come ad esempio entrare gratis ad alcune mostre.

Alla Fondazione abbiamo cominciato con 26 soci, ora siamo quasi 50. 

Noi la ringraziamo molto per il suo intervento e le auguriamo un buon proseguimento con l’attività del Comitato Dante di Budapest.

Grazie mille. Io vorrei ringraziare tutti coloro, che già ci sono associati e ai nostri della direzione che mi aiutano giornalmente e sono sempre presenti.  

Spero che riusciremo a diffondere la voglia di fare, e l’entusiasmo che noi tutti qui sentiamo alla Dante Alighieri di Budapest.

Grazie

11 aprile 2024: vertice automobilistico di Budapest

0

Enormi cambiamenti e movimenti sismici si verificano davanti ai nostri occhi, ribaltando i dogmi secondo i quali l’industria automobilistica e il commercio automobilistico hanno operato negli ultimi decenni. Vogliamo introdurre, interpretare e preparare questi processi con gli esperti del settore cintura nera: clienti interessati al settore, rivenditori, importatori, finanziatori e tutti coloro che amano e seguono questo meraviglioso mondo.” Così si presenta il summit dell’automotive che si terrà a Budapest il prossimo 11 aprile.

Il piano dell’Unione Europea di eliminare i motori a combustione interna entro il 2035 e di vedere prosperare il mercato locale grazie ai marchi cinesi è all’ordine del giorno del Vertice Automobilistico di Budapest, in programma per l’11 aprile 2024, ha dichiarato l’organizzatore Zsolt Bujáki all’agenzia di stampa di stato MTI. 

Il programma della giornata è disponibile qui: https://www.automotivesummit.hu/program 

Relatori del vertice

Il Ministro dell’Economia Nazionale Márton Nagy sarà il relatore principale della conferenza che si terrà presso il Campus MOL, insieme a Gábor Ormosy, CEO del gruppo quotato AutoWallis Group, Zoltán Papp, direttore del marchio Volkswagen per Porsche Hungaria, e Balázs Weingartner, capo dell’Agenzia di Sviluppo della Mobilità Ungherese (Humda).

Nel frattempo in Italia il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (mase) lancia la piattaforma unica nazionale per localizzare i punti di ricarica per le auto elettriche sul territorio nazionale.

Fonte: Budapest Business Journal, Budapest Automotive Summit | Foto fonte: Budapest Automotive Summit 

Consultazione online sull’energia verde attiva fino al 15 aprile

0

Esperti e governo concordano: il futuro dell’Ungheria è l’energia verde, che non deve solo essere prodotta, ma anche immagazzinata. 

“Il comune impegno dell’Ungheria è l’energia verde, motivo per cui il governo sta chiedendo ai cittadini di rispondere a 13 domande: dalle celle solari alla riduzione delle bollette, all’elettromobilità” ha dichiarato il Sottosegretario di Stato Attila Steiner del Ministero degli Affari Energetici in un video caricato sulla sua pagina Facebook subito dopo Pasqua. 

Steiner ha sottolineato che il governo si affida sia all’energia solare che a quella nucleare a lungo termine per garantire un’offerta sicura, pulita e conveniente. Ha aggiunto che l’importanza della centrale nucleare di Paks nel mix energetico nazionale è innegabile perché le attuali quattro unità forniscono la metà della produzione di elettricità interna e più di un terzo del consumo interno. 

L’anno scorso, scrive Hirado, nell’Unione Europea, solo la Grecia ha prodotto più elettricità utilizzando l’energia solare rispetto all’Ungheria. 

Márton Nagy, il ministro dell’Economia nazionale al lancio di questo questionario, aveva sottolineato che il futuro dell’Ungheria è l’energia verde, affermando che è in gioco il futuro dell’economia ungherese, perché ora si decide dove verranno stabiliti i centri europei dell’industria verde.

“Contiamo anche sull’opinione della cittadinanza ungherese su questa questione, quindi vi preghiamo di compilare il questionario online sull’energia verde entro il 15 aprile“, ha detto Steiner nel post, indicando che il questionario è disponibile su zoldenergia.kormany.hu.

Fonte: BBJ | kormany.hu                                        Foto fonte: Pexels

Il mercato immobiliare inizia il 2024 con un aumento dei prezzi

0
aumento dei prezzi del mercato immobiliare
aumento dei prezzi del mercato immobiliare

Il mercato immobiliare della capitale ha iniziato l’anno con un aumento dei prezzi: nei primi due mesi il metro quadro medio degli appartamenti in mattoni è già salito a oltre 1 milione di fiorini. Secondo l’analisi del mercato immobiliare, che aveva registrato nel febbraio 2024 un aumento del 72% nella vendita di immobili, il prezzo medio al metro quadro degli appartamenti in muratura di seconda mano nei quartieri della capitale è stato compreso tra 558.000 e 1,3 milioni di fiorini, sulla base delle transazioni dei primi due mesi.

Il mercato immobiliare si è rafforzato a marzo.

Le 11.046 vendite immobiliari del mese di marzo hanno superato il mese precedente del 3%; su base annua, è aumentato del 42%. 

Il primo trimestre di quest’anno si è concluso con 30.154 transazioni immobiliari, che rappresentano un aumento del 52% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. 

Ne abbiamo parlato con gli esperti di ITL Real Estate

“In particolare, non sono solo i prezzi ad aver registrato una traiettoria ascendente, ma anche la domanda di immobili, in particolare tra gli investitori internazionali che desiderano investire a Budapest. Questa impennata della domanda, ha aggiunto una nuova dimensione al già dinamico panorama immobiliare.

Questo afflusso di domanda segnala opportunità promettenti sia per gli acquirenti che per i venditori che si trovano a navigare nel mercato immobiliare di Budapest in continua evoluzione. 

ITL Real Estate


Nel corso dell’anno, sarà nostra cura osservare come queste tendenze continueranno a plasmare il panorama immobiliare della capitale per riconoscere le opportunità nei diversi distretti”.

Troviamo le migliori soluzioni immobiliari residenziali, industriali e commerciali
Troviamo le migliori soluzioni immobiliari residenziali, industriali e commerciali

Pasqua 2024 in Ungheria: tradizioni e attività  

0
pasqua in ungheria 2024
pasqua in ungheria 2024

Quest’anno, la Pasqua si festeggia a fine marzo, più precisamente il 31 marzo e Pasquetta il 1° Aprile. 

Nella città di Budapest si svolgerà il mercatino primaverile e pasquale presso Vörösmarty Tér e Deák Ferenc Tér. Il centro di Buda sarà pieno di varie attività in onore della pasqua e della primavera. Sono previsti concerti, spettacoli di musica e danza popolare, programmi per bambini, laboratori d’arte e artigianato, tra cui pittura delle uova.

Fuori da Budapest, ci sono due attrazioni principali. 

La prima è il pittoresco villaggio di Hollókő: si trova nella contea di Nógrád, nell’angolo nordorientale dell’Ungheria e dista circa 100 km da Budapest. Lì gli abitanti del villaggio indossano costumi popolari e fanno rivivere le tradizioni pasquali. Si possono inoltre gustare i tradizionali piatti pasquali e godere di vari programmi folcloristici. 

La seconda è l’affascinante città di Szentendre, distante 40 minuti da Budapest, dove si svolge il festival di Pasqua. 

Tradizioni ungheresi per Pasqua 

In Ungheria, la tradizione pasquale include la decorazione artistica delle uova, spesso simbolo di ringraziamento, con tecniche che richiamano i ricami ungheresi o l’uso di materiali naturali per la colorazione. I bambini cercano cioccolatini a forma di uovo o coniglio nascosti dai genitori.

Il pranzo pasquale tipico comprende prosciutto affumicato servito con verdure primaverili e uova sode, diversamente dall’Italia dove prevalgono le uova di cioccolato. Le festività vedono un abbondante consumo di carne, in particolare l’”Húsvéti sonka“, un prosciutto affumicato tradizionale, e il Kalács, un pane dolce tipico.

Tradizioni ungheresi per Pasquetta

In Ungheria, il lunedì di Pasquetta è segnato dalla tradizione del locsolkodás, dove i ragazzi visitano le ragazze non sposate, recitando poesie e “innaffiandole” con acqua o profumo, un rito di fertilità per preservare la loro bellezza. Questa pratica, che un tempo aveva un significato profondo legato al corteggiamento e alla fertilità, si è trasformata in uno scherzo o un rituale di cortesia, con le donne che ricambiano offrendo uova decorate, dolci o palinka.

Revolut Incerta sull’Apertura di una Filiale in Ungheria

0

Revolut ha introdotto diverse nuove funzionalità per i suoi clienti ungheresi nelle ultime settimane, spingendo il quotidiano economico Világgazdaság a chiedersi se l’istituto finanziario aprirà una filiale bancaria in Ungheria.

Sebbene il CEO di Revolut, Nikolay Storonsky, “non abbia escluso l’apertura di una filiale fisica” durante la sua visita a Parigi a gennaio, Revolut ha dichiarato a vg.hu che l’apertura della filiale è solo un’idea, quindi è ancora incerto se sarà realizzata.

“È ancora una questione aperta se l’idea verrà realizzata, se l’apertura della filiale fisica sperimentale avrà successo, se dovremmo aprire anche una nuova, o se testeremo il concetto in altri mercati”, ha dichiarato Revolut nel suo comunicato.

Fonte: Budapest Business Journal                               Foto fonte: Revolut

Budapest istituisce un’agenzia per l’affitto di case 

0

Il sindaco di Budapest, Gergely Karácsony, ha annunciato la creazione di un’agenzia comunale per mettere in contatto gli affittuari con i proprietari di case durante una conferenza stampa del 20 marzo 2024 (MTI). 

La nuova Agenzia Metropolitana per la Casa garantirà che l’affitto e le bollette delle utenze saranno pagati, assumendosi “praticamente tutto” il rischio legato all’affitto di appartamenti nella città, ha detto Vera Kovács, capo dell’agenzia.

 Ai proprietari di appartamenti tra i 20 mq e i 100 mq in buone condizioni viene chiesto di aderire al programma. Presto, anche i proprietari di appartamenti che necessitano di riparazioni o ristrutturazioni potranno registrarsi al programma.

Fonte: Budapest Business Journal                                          Foto fonte: Pexels

Troviamo le migliori soluzioni immobiliari residenziali, industriali e commerciali
Troviamo le migliori soluzioni immobiliari residenziali, industriali e commerciali

Il blocco dei tassi sul credito alle PMI termina il 1° aprile

0

Nuove novità per le PMI in seguito agli aggiornamenti del febbraio 2024.

Il blocco dei tassi sul credito alle PMI terminerà il 1° aprile, poiché si prevede che i tassi di prestito scenderanno sotto la soglia del 7,77% fissata nel novembre 2022, ha dichiarato il Ministero dell’Economia Nazionale in un comunicato pubblicato il 14 marzo 2024 sul loro sito web. 

Il ministero ha dichiarato che il blocco dei tassi ha salvato oltre 50.000 PMI, con quasi 1.500 miliardi di fiorini di prestiti per circa 150 miliardi di fiorini. Ha aggiunto che il tasso interbancario di riferimento a tre mesi di Budapest (Bubor) era superiore al 16,5% quando è stata introdotta la misura. Il ministero ha osservato che gli istituti di credito hanno accettato volontariamente di ridurre temporaneamente i loro spread sul credito alle imprese rispetto al Bubor allo 0% dal 1° febbraio per tre mesi. Mercoledì il Bubor a tre mesi era all’8,07%.

Il vertice delle Confindustrie in occasione del G7 a Verona 

0
Raffaele Boscaini, Presidente di Confindustria Veronese
Raffaele Boscaini, Presidente di Confindustria Veronese

A Verona, capitale dell’Industria mondiale, si sono svolti due incontri molto importanti. 

Il 13 marzo 2024 si è svolto il vertice delle Confindustrie dei sette paesi più industrializzati (B7) e il 14 marzo 2024 il G7 in Gran Guardia. 

B7 nella sede di Confindustria Verona

Il B7, il gruppo di lavoro riservato al mondo delle imprese, ha avuto luogo nella sede di Confindustria Verona, in piazza Cittadella, con 250 ospiti tra Ceo e vertici di organizzazioni imprenditoriali dei «Sette». L’organizzazione è stata affidata a Confindustria con un ruolo chiave nell’identificare e indirizzare le priorità dell’agenda economica globale. 

Si è discusso sui fattori chiave che influenzano la produttività e la competitività industriale in un’economia globale in rapida evoluzione, ponendo un’attenzione particolare alla digitalizzazione, fondamentale in tutti i settori industriali. 

G7 Industria a Verona

Si è svolta a Verona, al palazzo della Gran Guardia, la prima riunione ministeriale del percorso della presidenza italiana del G7.  

Il tema affrontato è stata la sfida dell’AI (intelligenza artificiale) e del digitale alla prova delle imprese e dei governi occidentali. 

Si è parlato anche dell’applicazione dell’intelligenza artificiale e delle tecnologie emergenti al tessuto industriale; della sicurezza e resilienza delle catene di approvvigionamento e delle reti; dello sviluppo digitale sostenibile e inclusivo a livello globale.

Raffaele Boscaini, Presidente di Confindustria Verona 

Raffaele Boscaini, Presidente di Confindustria Verona ha detto che è molto orgoglioso che Verona sia al centro dell’attenzione mondiale in questi due giorni. E lo è con un confronto sui temi del futuro che aprono ampie opportunità, ma richiedono anche consapevolezza e responsabilità.

“Io non penso che l’AI sostituirà la nostra capacità di discernimento, né i nostri valori, ma sia l’uno che gli altri vanno coltivati per rendere le persone libere, capaci e responsabili. Possiamo mettere barriere e sentirci più sicuri con raccomandazioni e policy, ma sarà sempre la cultura dell’individuo e la sua capacità di decidere la migliore garanzia.”

Raffaele Boscaini, Presidente di Confindustria Veronese

Fonte: Sky TG24, L’Arena    Fonte foto: Confindustria 

Italian Design Day a Budapest 2024: la filosofia dello studio Castiglioni

0
italian design day a budapest 2024
italian design day a budapest 2024

Si è tenuto oggi, 14 marzo 2024, presso l’Istituto Italiano della Cultura a Budapest l’Italian Design Day 2024. Giovanna Castiglioni ha tenuto un intervento su “L’ingegno futuristico di Achille Castiglioni” seguito da una tavola rotonda.

Nella foto il Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura mentre ringrazia gli ospiti, l’ambasciatore presente in sala S.E. Manuel Jacoangeli e i partner che hanno reso possibile l’evento, tra cui la Dottoressa Chiappini Carpena, Direttrice di Italian Trade Agency.

Giovanna Castiglioni: vicepresidente della Fondazione Castiglioni

L’evento è iniziato con la presentazione di Giovanna Castiglioni intitolata “L’inventiva futuristica di Achille Castiglioni”.

Giovanna Castiglioni, nata a Milano nel 1972, gestisce lo studio del padre Achille, oggi aperto al pubblico come fondazione e museo.

Dal 2005 è responsabile dello Studio Museo e dal 2012 vicepresidente e segretario generale della Fondazione. Come coautore, autore di antropologie familiari e serie di fumetti, tra cui l’ideatore dell’opera ‘100% Achille’. Ha partecipato a numerose conferenze e conferenze internazionali in tutto il mondo.

In collaborazione con scuole di design ha tenuto lezioni sul “metodo Castiglioni”, ha organizzato come curatore diverse mostre e ha sostenuto laboratori creativi. Achille ha festeggiato il centenario della sua nascita con progetti speciali, come la “Mostra itinerante 100% Achille”.

Per mantenere il dinamismo del Museo, si cerca sempre di coinvolgere attivamente il pubblico durante le sue rappresentazioni.

Achille Castiglioni: architetto e designer milanese

Achille Castiglioni, nato il 16 febbraio 1918 a Milano e morto il 2 dicembre 2002, è stato un architetto e designer di fama mondiale. Si laurea in architettura nel 1944 e già nel 1940 inizia a sperimentare prodotti industriali, insieme ai fratelli Livio e Pier Giacomo. Dopo la laurea, inizia la ricerca di nuove forme, tecniche e materiali, ricercando un processo di progettazione integrata. Dal 1969 ha conseguito il titolo di Professore Associato di “Disegno Industriale”, per poi insegnare come professore ordinario di “Disegno Industriale” a Torino e Milano fino al 1993. Ha partecipato a numerose mostre, promuovendo l’Associazione per il Disegno Industriale (ADI), fondata nel 1956. I suoi lavori sono stati esposti al MoMA di New York e ha vinto 9 premi Golden Circle per le sue innovazioni nel campo del design. Achille Castiglioni ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali nonché un dottorato onorario, confermando la sua influenza nel campo del design e dell’architettura.

Castiglioni ha realizzato numerosi oggetti di design per aziende prestigiose, tra cui prodotti di illuminazione e di arredo, oltre che stand fieristici. La sua carriera è stata caratterizzata da una continua ricerca e sperimentazione, ed è stato un affidabile punto di riferimento nel campo del design industriale e della progettazione architettonica a livello globale.

La tavola rotonda

La presentazione è stata seguita poi da una tavola rotonda con la partecipazione di Péter Molnár (MOME Design Institute), Szilvia Szigeti (Design Without Borders), Tímea Terék (TH Design), Ágnes Vincze (VA Design).

Foto di ITA

SIRHA Budapest 2024: 26 espositori italiani

0
fiera sirha 2024 padiglione italia
fiera sirha 2024 padiglione italia

Il 7 marzo si è conclusa la fiera SIRHA Budapest, manifestazione ungherese a cadenza biennale, dedicata ai prodotti agroalimentari, dove l’Agenzia ICE ha organizzato la partecipazione di 26 produttori italiani. La fiera rappresenta un punto di riferimento per i professionisti del settore, con particolare attenzione all’industria dolciaria, alla panificazione e al settore Ho.Re.Ca.  

L’Agenzia ICE ha partecipato per la quinta volta con una collettiva italiana alla manifestazione, presentando una grande varietà di prodotti di eccellenza, dalla pasta al caffè, dai prodotti da forno al gelato. 

Il catalogo completo degli espositori è consultabile qua: Espositori SIRHA 2024 

All’interno dell’area di 448 mq sono state organizzate cooking show e degustazioni in ogni giornata della fiera, realizzati in collaborazione con gli Chef designati dalla Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA, Stefano Scarso e Daniela Antoniotti, che hanno ideato dei piatti italiani particolari riscontrando grande successo nell’ambito del pubblico.  

Per chi non l’avesse ancora letta, vi invitiamo a leggere l’intervista alla Direttrice di Italian Trade Agency, Giovanna Chiappini Carpena.

Il gelato di stile italiano

Inoltre il gelato di stile italiano è stato uno dei protagonisti principali di questa edizione, con un ricco programma di eventi e presentazioni dedicati al tema. Il 6 marzo si è svolta la competizione “Avventura Gelato”, rivolta ai giovani pasticceri ungheresi, organizzata dall’Associazione Ungherese di Pasticceria. Su invito dell’ICE Agenzia, è arrivato a Budapest Gian Luca Cavi, maestro gelataio italiano, delegato sempre dalla Scuola Internazionale di Cucina Italiana ALMA, che ha partecipato come capo di una delle squadre. Le squadre in gara hanno potuto utilizzare i prodotti per la gelateria e per la pasticceria offerti dagli espositori italiani della collettiva. 

Il 7 marzo Gian Luca Cavi ha tenuto una presentazione sui nuovi trend del gelato. Il segreto del successo del gelato italiano ritiene che sia l’amore e addirittura il rispetto per gli ingredienti utilizzati. 

Per favorire le opportunità di business delle aziende italiane partecipanti alla collettiva, l’Agenzia ICE ha organizzato, in occasione di SIRHA Budapest, la partecipazione di una delegazione di operatori selezionati dagli Uffici della rete estera. La delegazione è stata composta da 23 buyers provenienti da Albania, Austria, Croazia, Romania, Moldavia, Serbia, Montenegro e Slovenia. Gli operatori potevano visitare la fiera ed incontrare gli espositori italiani presenti. 

Prodotti alimentari Made in Italy

La cucina, lo stile di vita italiano, la dieta mediterranea, i prodotti alimentari “Made in Italy”, da sempre apprezzati dai consumatori ungheresi, continuano a godere di grande popolarità in Ungheria. In base ai dati del KSH (Ufficio Centrale di Statistica Ungherese), nel periodo gennaio-novembre 2023 l’Italia si è collocata al sesto posto nella graduatoria dei principali paesi esportatori di prodotti agroalimentari in Ungheria con vendite di oltre 441 milioni di euro, registrando un incremento del 15,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente ed una quota di mercato pari al 5,7%.

Nel settore del vino l’Italia è attualmente al secondo posto nella graduatoria dei principali paesi fornitori dell’Ungheria esportando per un valore di 6,7 milioni di euro con un aumento del 2,6% rispetto all’anno precedente ed una quota di mercato pari al 29,3%.

“Ma è nostra ferma intenzione andare oltre, e in questa direzione si pone anche la candidatura della cucina italiana a patrimonio immateriale dell’UNESCO per il 2025”,scrive Italian Trade Agency.

Fonte: ITA

I vertici di Confindustria Est Europa a Budapest per siglare accordi strategici 

0
confindustria ungheria e confindustria est europa accordo con vosz
confindustria ungheria e confindustria est europa accordo con vosz

Il 7 marzo 2024 i vertici di Confindustria Ungheria e di Confindustria Est Europa si sono riuniti presso la sede di UniCredit Bank Ungheria a Budapest. Una giornata ricca di incontri e accordi strategici. 

Incontri con VOSZ e MGYOSZ

Durante la giornata è stato siglato l’accordo di collaborazione con l’Associazione nazionale degli imprenditori e dei datori di lavoro (Vosz), un Memorandum d’Intesa con la VOSZ volto a rafforzare il dialogo, lo scambio e la cooperazione in settori strategici al fine di rafforzare ed incrementare le opportunità di collaborazione tra imprese italiane ed ungheresi per essere più forti assieme non solo sul territorio ungherese, ma anche in una dimensione regionale ed europea.

Successivamente, vi è stato un significativo incontro con MGYOSZ, associazione nazionale degli imprenditori ed industriali in Ungheria, volto a consolidare ulteriormente il dialogo reciproco e favorire iniziative di cooperazione.

La Consulta

Si è riunita la Consulta dei Presidenti delle rappresentanze locali dei Paesi membri di Confindustria Est Europa (Confindustria Albania, Confindustria Bielorussia, Confindustria Bosnia Erzegovina, Confindustria Bulgaria, Confindustria Macedonia del Nord, Confindustria Montenegro, Confindustria Polonia, Confindustria Romania, Confindustria Serbia, Confindustria Slovenia e Confindustria Ungheria).

La conferenza stampa

A conclusione della Consulta, ha avuto luogo la conferenza stampa volta a sottolineare l’importanza dell’esistenza nel Paese di una Rappresentanza di Confindustria.

Durante la conferenza stampa, è stata trattata una varietà di argomenti da esperti del settore, offrendo un quadro esaustivo degli sviluppi recenti e delle sfide nel panorama finanziario ungherese, degli obiettivi, delle opportunità in Ungheria e del futuro della comunità italiana nel Paese. Le presentazioni, che sono state informative e coinvolgenti, sono riportate in questo articolo.

Il ricevimento: l’incontro con i Soci di Confindustria Ungheria 

Il successivo ricevimento ha fornito un ambiente informale e rilassato per continuare le conversazioni avviate durante la conferenza stampa con anche i Soci di Confindustria Ungheria, che sono stati invitati a partecipare. I partecipanti hanno avuto l’opportunità di scambiare opinioni, condividere esperienze e stabilire nuove connessioni professionali, il tutto mentre gustavano prelibatezze locali e bevande rinfrescanti.


Di seguito verranno riportati alcuni estratti dei discorsi tenuti dal Dott. Roberto Massucco, Presidente di Confindustria Ungheria, e dalla Dott.ssa Maria Luisa Meroni, Presidente di Confindustria Est Europa. 

Confindustria Ungheria: il Presidente Roberto Massucco

Alla conferenza stampa, il Presidente di Confindustria Ungheria, Roberto Massucco, ha iniziato il suo intervento presentando Confindustria Ungheria e spiegandone le peculiarità rispetto agli altri enti e istituzioni italiane all’estero. 

Confindustria in Italia è la principale associazione di rappresentanza delle imprese manifatturiere e dei servizi, con un’adesione volontaria di oltre 150.000 imprese, raggiungendo un totale di 5.382.382 persone impiegate

Rappresentando le imprese e i loro valori presso le istituzioni di tutti i livelli, Confindustria contribuisce al benessere e al progresso sociale, e da questo punto di vista garantisce servizi sempre più diversificati, efficienti e moderni. 

Ha una sede centrale a Roma e dal 1958 una delegazione all’Unione Europea a Bruxelles, che ha come obiettivo rappresentare e difendere gli interessi delle industrie italiane presso le istituzioni europee. Le principali attività della Delegazione sono: il monitoraggio delle proposte legislative e non legislative dell’UE, l’attività di informazione sull’aggiornamento delle varie politiche europee, l’attività di informazione sul sito web sulle ultime novità.

Confindustria Ungheria è stata stabilita ufficialmente nel 2021 e nel 2022 è stata riconosciuta ufficialmente da Confindustria Italia ed è avvenuto l’insediamento del Consiglio di Amministrazione e la delibera del Consiglio Generale. Confindustria Ungheria opera quotidianamente per favorire la presenza italiana sul territorio e per agevolare una sempre più sinergica collaborazione con il tessuto imprenditoriale locale divenendo un punto di riferimento per il “Made in Italy” in Ungheria.

L’Ungheria, con cui l’Italia scambia beni per un valore di 14 miliardi di Euro, rappresenta un hub economico strategico in Europa Centro-Orientale ed è tra i principali Paesi di riferimento per le imprese italiane nell’Est-europeo.

La mission di Confindustria Ungheria 

Gli obiettivi di Confindustria Ungheria vengono così riassunti: 

  • Rendere più integrata ed efficace la presenza italiana in Ungheria, collaborando con tutte le Istituzioni che operano sul territorio.
  • Impostare azioni di sviluppo e consolidamento individuando settori target (efficienza energetica, automotive, aeronautico, elettrodomestici)
  • Promuovere i valori di identità e di appartenenza al sistema industriale italiano in Ungheria
  • Rafforzare i legami tra le imprese che operano nei due Paesi
  • Fungere da volano per l’internazionalizzazione delle imprese italiane
  • Stabilire un collegamento operativo con le associazioni territoriali e di categoria del sistema Confindustria in Italia
  • Presentare in Italia le opportunità di business in Ungheria, promuovendo lo sviluppo di progetti interregionali.
  • Promuovere il ruolo economico che l’Italia svolge in Ungheria attraverso una rappresentazione strutturata del nostro sistema imprenditoriale.

Ci sono circa 3.500 aziende di proprietà italiana in Ungheria (comprese quelle di natura commerciale e di servizi, dalle società a responsabilità limitata alle numerose ditte individuali).

Su 3500 aziende, circa 1300 sono impegnate nel commercio all’ingrosso, 350 appartengono al settore manifatturiero e circa 100 sono agenzie di viaggio o servizi alle imprese. Per maggiori dettagli vi invitiamo a consultare il database delle aziende italiane in Ungheria, disponibile online dal 2010.

Confindustria Est Europa: la Presidente Maria Luisa Meroni

Confindustria Est Europa è una federazione nata nel 2017 dalla necessità di costruire un’organizzazione idonea a riunire tutte le Rappresentanze degli imprenditori che si sono costituite nel tempo in quest’area di particolare interesse. I paesi che fanno parte di Confindustria Est Europa sono 11 Paesi dell’Europa centro-orientale, di cui 9 rappresentanze internazionali (Albania, Bielorussia, Bulgaria, Macedonia del Nord, Romania, Polonia, Serbia, Slovenia e Ungheria) e 2 antenne (Bosnia Ed Erzegovina e Montenegro).

Offre assistenza e servizi a supporto delle imprese che hanno avviato progetti imprenditoriali nell’area o che intendono accedervi. Il network, che è parte integrante del Sistema Confindustria, raggruppa più di 1.000 imprese italiane che hanno deciso di operare e sviluppare le proprie attività economiche nella regione.  

Grazie alle attività portate avanti in questi Paesi dalle imprese, sono nate realtà associative che contribuiscono con il loro lavoro quotidiano a rendere la presenza italiana in quest’area sempre più integrata, efficace e strutturata. Alcuni temi sono la formazione, come la collaborazione con Università LUISS Guido Carli e con la società SMART INDUSTRY srl, l’innovazione, elemento fondamentale per promuovere partnership in comparti altamente innovativi, e le attività di networking, per promuovere e sviluppare conoscenze tramite reti di imprese estere e locali, che avviene grazie alla collaborazione con RetImpresa.

Dott.ssa Janina Mathiasz, Direttrice di Confindustria Ungheria

Nel 2022 è nato il progetto Guida Paesi, ed il libro è il frutto dei preziosi contributi degli Ambasciatori italiani nei Paesi, degli interventi dei nostri Presidenti di Associazione, della collaborazione con UniCredit, Smart Industry, con l’Università LUISS, con SACE ed Retimpresa; per offrire uno strumento funzionale ed innovativo. 

La missione ed il ruolo delle Rappresentanze di Confindustria Est Europa è quello di: fornire tutto il supporto necessario, attraverso servizi di informazione, consulenza e assistenza nei rapporti con le istituzioni italiane ed estere fungendo da punto di riferimento per le imprese italiane che sono desiderose di aprirsi al mercato dell’Europa centro-orientale. Presentare le opportunità di business in questi paesi e non da ultimo promuovere il ruolo economico che l’Italia ricopre in quest’area attraverso una presenza strutturata del sistema imprenditoriale.

L’Est Europa, ma più in generale l’Europa centro-orientale, rappresenta, infatti, un’area di vicinato strategico e di significativa importanza per le imprese italiane a partire dalla posizione strategica che rende l’area un importante crocevia tra Asia ed Europa.

Questi Paesi sono inoltre i protagonisti di un processo di integrazione europea, da un lato abbiamo paesi che sono già membri dell’UE, ed altri paesi che sono candidati e auspichiamo che in un futuro vicino possano farne parte. 

Per leggere la notizia in lingua inglese: dailynewshungary.com

Per leggere la notizia in lingua ungherese: hellomagyar.hu

La Cina si avvicina all’Ungheria: esenzione dal visto 

0
tra cina e ungheria senza visto
tra cina e ungheria senza visto

Secondo un articolo pubblicato il 24 maggio 2023 dal settimanale economico britannico The Economist, l’Ungheria si trova in una posizione privilegiata per servire gli interessi di politica estera della Cina.

La Cina offre viaggi senza visto agli ungheresi

Il ministro degli Affari Esteri Wang Yi ha dichiarato che la Cina offrirà l’esenzione dal visto agli ungheresi e ai cittadini di altri cinque Paesi europei “in via sperimentale”.

Dal 14 marzo potranno beneficiare dell’esenzione del visto i cittadini ungheresi, oltre che ai cittadini di Svizzera, Irlanda, Austria, Belgio e Lussemburgo.

L’esenzione si estenderà fino al 30 novembre. 

Il ministro degli Esteri ha espresso l’auspicio che anche altri Paesi possano alleggerire le norme sui visti per i cittadini cinesi.

Ungheria rilascia visti a lungo termine alle autorità cinesi 

Il Ministro degli Affari Esteri e del Commercio Péter Szijjártó ha dichiarato che l’esenzione dal visto per i viaggi in Cina tra il 14 marzo e il 30 novembre è una “buona notizia” per i turisti e i viaggiatori d’affari ungheresi diretti in Asia. 

Ha inoltre aggiunto che per una questione di reciprocità, le autorità ungheresi stanno rilasciando visti a lungo termine, già alla prima richiesta, ai dirigenti di grandi aziende cinesi che effettuano investimenti in Ungheria.

Fonte: BBJ

GINOP Plusz-3.2.1-21 III: sostegno alla formazione sul lavoro

0
Ginop Plusz-3.2.1-21 III
Ginop Plusz-3.2.1-21 III

È stato pubblicato il GINOP Plusz-3.2.1-21 III e in questo articolo verranno presentati i dettagli, con la collaborazione di ASESOR Consulting, partner di ITL Group.

Scopo del programma

Lo scopo del programma è che le aziende candidate aumentino la loro produttività implementando la formazione sul posto di lavoro.

A tal fine nel bilancio sono stati stanziati 15 miliardi di fiorini che saranno distribuiti tra le PMI e le grandi aziende di tutta l’Ungheria. Il contributo condizionale non rimborsabile che può essere richiesto ammonta a 75 milioni di fiorini per le PMI e a 150 milioni di fiorini per le grandi aziende.

L’intensità del sostegno è pari al 70% per le micro e piccole imprese, al 60% per le medie imprese e al 50% per le grandi imprese.

Sostegno alla formazione

Possono essere supportate quattro tipologie di formazione: competenze trasversali, ICT, formazione linguistica e di conoscenza professionale, che possono essere implementate sia in orari di contatto che online.

Nella formazione devono essere coinvolte minimo 3 persone e il costo massimo ammissibile della formazione per persona è di 250.000 fiorini, che se vengono soddisfatti determinati criteri (lavoratore svantaggiato, zona di libera impresa, settore prioritario o almeno il 25% del costo totale del progetto è formazione ICT) è possibile aumentarlo a 350.000 fiorini.

Oltre ai costi della formazione, il salario lordo per tempo di lavoro perso a causa della partecipazione dei dipendenti alla formazione, nonché il salario di un principale esecutore professionale fino a un massimo di 300.000 HUF lordi al mese e fino a un può essere contabilizzato un massimo del 25% del costo totale del progetto.

Il sostegno alla formazione e lo stipendio dell’implementatore professionista vengono pagati in anticipo, mentre lo stipendio perduto viene pagato come post finanziamento, in rate mensili.

La durata dell’investimento non potrà superare i 18 mesi.

Affinché il supporto sia al 100% non rimborsabile, almeno il 90% dei dipendenti inseriti nella formazione deve continuare ad essere impiegato per 180 giorni successivi all’ultima sessione di formazione.

ASESOR Consulting

ASESOR Consulting è una società dinamica con sede a Budapest dal 2006, specializzata nella consulenza per i finanziamenti alle imprese. La squadra di Asesor Consulting Kft. è composta da personale di consulenza altamente qualificato ed esperto che conosce non solo gli standard imposti dall’Unione Europea (UE) e Ungheria, ma hanno molti anni di esperienza in diversi campi.

Asesor Consulting fornisce un servizio di consulenza completo che copre tutti i processi di finanziamenti ungheresi ed europei – dalla scrittura dei documenti di gara alla successiva assistenza nella loro gestione.

L’Italia alla presidenza della Eu-Chambers-Ungheria

0
Camera di Commercio Italiana alla presidenza della Eu-Chambers-Ungheria
Camera di Commercio Italiana alla presidenza della Eu-Chambers-Ungheria

Il 29 febbraio 2024 è avvenuto il passaggio di consegne della Presidenza di EU-Chambers-Ungheria, dalla Camera di Commercio Irlandese alla Camera di Commercio Italiana per l’Ungheria, guidata dal suo Presidente Bernardino Pusceddu (a sinistra nella foto). La cerimonia, è avvenuta presso la prestigiosa sede del Dorotheum Hotel a Budapest. 

EU Chambers-Ungheria, costituita il 28 aprile 2024, è la Commissione permanente delle camere economiche bilaterali e di altre organizzazioni imprenditoriali degli Stati membri dell’UE che operano in Ungheria.

Alla cerimonia del passaggio di consegne erano presenti il Vice-Ministro degli Affari europei Barna Pal Zsigmond (nella foto a destra), il Vice-Ambasciatore irlandese James Hagan, i presidenti di varie Camere di Commercio e i rappresentanti della comunità diplomatica, economica e industriale in Ungheria.

A nome di Confindustria Ungheria, esprimiamo i nostri migliori auguri a Bernardino Pusceddu e alla Camera di Commercio Italiana in Ungheria per un’attività esemplare e fruttuosa che contribuisca significativamente al rafforzamento delle relazioni economiche tra Italia e Ungheria.

Alessandro Farina, Vicepresidente di Confindustria Ungheria
alessandro farina itl group

VOSZ: collaborazione con Confindustria Ungheria e Confindustria Est Europa

0
collaborazione tra vosz e confindustria ungheria e confindustria este europa
collaborazione tra vosz e confindustria ungheria e confindustria este europa

VOSZ ha concluso un accordo di collaborazione con Confindustria Ungheria e Confindustria Est Europa. Il documento in tal senso è stato firmato il 7 marzo 2024 presso la sede centrale della VOSZ (Vállalkozók és Munkáltatók Országos Szövetsége, associazione nazionale degli imprenditori e dei datori di lavoro in Ungheria).

Confindustria è la più importante associazione di rappresentanza delle imprese manifatturiere e di servizi in Italia che interagisce con il governo italiano nelle questioni che riguardano il mondo del lavoro. Attualmente sono presenti uffici in 11 paesi dell’Europa centrale e orientale, inclusa l’Ungheria.

La delegazione di Confindustria era composta da: Maria Luisa Meroni, Presidente di Confindustria Est Europa (CEE), Francesca Moizi, Assistente alla direzione di CEE, Roberto Massucco, Presidente di Confindustria Ungheria (CU), il Vicepresidente Alessandro Farina e la Direttrice Janina Mathiasz.

La Dott.ssa Maria Luisa Meroni, presidente di Confindustria Est Europa, ha presentato all’incontro del 7 marzo i piani dell’organizzazione, che mirano a fornire una nuova prospettiva sullo sviluppo industriale paneuropeo. Ciò è particolarmente necessario in quanto l’Europa sta attraversando tempi piuttosto difficili. Secondo la Dott.ssa Maria Luisa Meroni, non è affatto trascurabile il fatto che anche la grande espansione economica della Cina debba essere gestita adeguatamente e che l’Europa debba mantenere la propria competitività.

Confindustria può essere un ottimo partner per l’Associazione nazionale degli imprenditori e dei datori di lavoro (VOSZ), poiché l’organizzazione italiana considera lo sviluppo delle piccole e medie imprese il suo compito principale e desidera dare supporto nella ricerca di partner e nelle ricerche di mercato.”

Dott.ssa Maria Luisa Meroni

Confindustria opera come un’organizzazione centrale che rappresenta le imprese manifatturiere e di servizi italiane; oltre alle PMI, anche le grandi aziende vedono la fantasia nella sua adesione, che oggi conta più di 150.000 aziende. Queste imprese impiegano più di 5 milioni di lavoratori e producono circa un terzo del PIL italiano. Confindustria non pensa solo “in piccolo”, ma anche in grande: considera sua missione rafforzare le imprese che sono la chiave della crescita economica, sociale e urbana del Paese e vogliono trovare quanti più partner possibile all’estero per questo lavoro.

Con tale obiettivo nasce nel 2021 Confindustria Ungheria, il cui presidente, Dott. Roberto Massucco ha dichiarato durante l’incontro:

“durante il nostro breve periodo trascorso in Ungheria, siamo sempre stati convinti che VOSZ fosse per noi un partner strategico. Poiché l’Italia è il secondo partner commerciale dell’Ungheria nell’Unione Europea, c’è ampio spazio per lo sviluppo. L’Ungheria è considerata un buon mercato e VOSZ può aiutare con la sua rete di contatti a costruire alleanze e allo stesso tempo contribuire a far sì che le aziende italiane possano conoscere meglio gli imprenditori ungheresi.”

Dott. Roberto Massucco

Confindustria Ungheria opera inoltre per costruire e localizzare un sistema di impresa innovativo, internazionale, etico e sostenibile, basato sulla presenza di organizzazioni private, sulla partecipazione diretta delle imprese e sulla creazione di opportunità di business. Decine delle più note aziende italiane operanti nella regione hanno già aderito all’iniziativa e altre sono in fase di adesione.

La nuova strategia quinquennale

Da parte ungherese, il Dott. Patrik Kovács (a destra nella foto), copresidente della VOSZ, ha presentato il lavoro, gli obiettivi e gli elementi della nuova strategia quinquennale dell’associazione.

Tamás Barabás, copresidente di VOSZ (a sinistra nella foto), ha parlato anche dei compiti di VOSZPort, un portale innovativo che potrà portare vantaggi anche alle aziende italiane presenti sul territorio.

Tamás Barabás, copresidente responsabile dello sviluppo del portafoglio di servizi VOSZ e delle relazioni di partenariato, è inoltre il responsabile dei rapporti con il mercato italiano e avrà dunque il compito di sviluppare le relazioni bilaterali.

Con la firma di questo accordo di collaborazione, il lavoro è appena iniziato e proseguirà anche presso la sede di Confindustria a Roma, dove sono stati invitati i rappresentanti della VOSZ, in occasione della prossima assemblea generale di giugno 2024.