Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Szijjártó fa visita ad Alfano a Roma

Il ministro degli Esteri ungherese Péter Szijjártó  ha incontrato Angelino Alfano durante la sua visita ufficiale in Italia, che non si è limitata alla capitale. Szijjártó si è recato infatti anche a Tolentino, dove una chiesa fortemente danneggiata dai terremoti dell’autunno scorso è in ricostruzione con l’aiuto finanziario stanziato da Budapest. I due ministri hanno parlato di immigrati, delle minoranze cristiane e dei militari ungheresi in Iraq (sono questi ultimi sotto il comando italiano). 

Secondo quanto riportato dalle agenzie italiane, per Alfano l’incontro “si può considerare molto positivo anche per la chiarezza con cui Szijjártó  ha risposto”. Discussi i rapporti bilaterali e le relazioni commerciali tra Ungheria e Italia, oltre a questioni di politica estera. L’Italia è il quinto partner commerciale dell’Ungheria e l’ottavo maggior investitore nel Paese. Per Szijjártó si tratta di un “motivo d’orgoglio”: il governo ungherese ha stanziato 510 milioni di euro per finanziare la collaborazione e il lavoro delle imprese italiane in Ungheria, “per poter essere sempre più presenti sul mercato ungherese, dove – ha sottolineato – esiste la tassa per le imprese più bassa d’Europa”.
 “L’Ungheria e l’Italia sono vicini alleati, nonostante le loro posizioni molto distanti in materia di migrazione” ha dichiarato Szijjártó all’agenzia di stampa ungherese MTI. Sull’argomento, di nuovo caldo dopo che l’Ungheria ha passato la legge sulla detenzione temporanea dei richiedenti asilo, il ministro ha sottolineato che le due parti devono agire insieme per la sicurezza internazionale nell’interesse “della stabilità della regione dei Balcani occidentali e per la lotta al terrorismo.” L’Ungheria come noto punta l’accento sulla difesa dei confini e Szijjártó ha sottolineato che l’Italia la pensa diversamente e che “probabilmente non raggiungeremo un accordo su questo”. Alfano ha confermato il distacco dalla “prevedibile ma non condivisibile” posizione di Orbán. Il ministro italiano ha tuttavia osservato come questo non influisca sui comuni interessi economici e sulla “comune visione culturale” che sostanziano l’amicizia tra i due Paesi. Accordo anche in materia di difesa, su cui entrambi i politici ritengono sia necessario un maggiore sforzo per rafforzare il sistema europeo. 

(Foto Ministero ungherese degli Affari Esteri e del Commercio  libero uso stampa)

Claudia Leporatti

Redazione Economia.hu

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti