MNB ha chiuso il suo periodo di aumento dei tassi più prolungato degli ultimi 30 anni

La Banca nazionale ungherese (MNB) ha deciso di porre fine al suo ciclo di rialzo dei tassi più esteso, ma afferma che rimarranno rigide condizioni monetarie.

Mentre pubblichiamo questo articolo, 11 ottobre, il tasso di cambio ufficiale del fiorino è a 427.89 per 1 euro. Secondo i dati dell’Ufficio centrale di statistica, l’inflazione ha raggiunto il 20,1 % a Settembre.

Con una mossa piuttosto inaspettata, il Consiglio monetario della banca centrale ha concluso il ciclo in occasione della sua ultima riunione di fissazione dei tassi il 27 settembre. Il consiglio ha alzato il tasso chiave di 125 punti base portandolo al 13% e, subito dopo la decisione, il governatore della MNB György Matolcsy ha annunciato la fine del ciclo di inasprimento.

In tal modo, la MNB ha chiuso il suo periodo di aumento dei tassi più prolungato degli ultimi 30 anni. Poiché è stata la prima nella regione ad avviare tali aumenti, è diventata la prima a porvi fine, nonostante la banca centrale si aspetti un’ulteriore accelerazione dell’inflazione. (Qui i loro comunicati stampa in ungherese)

“Non andremo oltre perché non ha senso andare al di sopra di un tasso di base a due cifre, e ci sono anche dati favorevoli provenienti dal contesto inflazionistico globale”,

HA AFFERMATO MATOLCSY IN UNA CONFERENZA STAMPA DOPO LA DECISIONE SUL TASSO.

Gli analisti hanno descritto all’unanimità l’aumento di 125 punti base come sorprendente e le opinioni sulla conclusione del ciclo di rialzo dei tassi variano.

Gergely Suppan, analista senior di Magyar Bankholding, ha richiamato l’attenzione sul fatto che le rigide condizioni monetarie rimarranno anche dopo l’interruzione degli aumenti dei tassi di interesse.

Ha osservato che il fiorino ha recentemente raggiunto i minimi storici nei confronti dell’euro, nonostante il ritmo e la gravità dei rialzi dei tassi di interesse nell’ultimo periodo abbiano mostrato un “impegno” contro l’inflazione quasi unico al mondo.

Driver del tasso di cambio

Suppan ha affermato che il tasso di cambio della valuta ungherese non è guidato principalmente dal tasso di interesse, ma piuttosto:

  • dalle variazioni dei prezzi del gas (che peggiorano notevolmente le prospettive di crescita),
  • dal rafforzamento del dollaro,
  • dall’avversione al rischio globale e
  • dalle incertezze dell’UE embargo e controversie sui pagamenti.

Ha ricordato che la banca centrale aveva anche deciso misure restrittive della liquidità all’ultima riunione sui tassi di interesse, il che conferma il fatto che non è più necessario aumentare significativamente i tassi di interesse, anche se l’inflazione potrebbe ancora aumentare considerevolmente per il resto del anno, dichiara Suppan.

L’analista ha osservato che, a causa del conflitto in Ucraina, delle sanzioni contro la Russia e del livello molto basso delle consegne di gas russo in Europa, l’aumento dei prezzi dell’energia in Europa è proseguito in modo sostanziale, rendendo ancora improbabile l’allentamento della pressione inflazionistica a breve termine .

Inoltre, si prevede un aumento significativo dell’inflazione a causa dell’estensione dei tagli ai servizi pubblici al di sopra del consumo medio, i prezzi dell’energia dovrebbero continuare a salire ai livelli attuali, il continuo riprezzamento in alcune aree di prodotti e un forte aumento dei costi aziendali, ha scritto Suppan.

Dániel Molnár, analista del Makronóm Institute, ritiene che la fine del ciclo di rialzo dei tassi di interesse non sia stata necessariamente opportuna nell’attuale contesto economico incerto” e che la MNB dovrebbe continuare ad aumentare i tassi di interesse fino a quando non sarà visibile il picco dell’inflazione, che potrebbe avvenire al più presto entro la fine di quest’anno.

I prezzi dell’energia continuano a mostrare una volatilità significativa, che colpisce i prezzi di tutti i prodotti. Non ci si può aspettare la normalizzazione fino alla fine della guerra russo-ucraina e alla revoca delle sanzioni. Se ciò non accade, la situazione si tradurrà in prezzi dell’energia costantemente elevati e quindi in pressioni inflazionistiche, nonché in un peggioramento della bilancia dei pagamenti, ha avvertito Molnár.

Ritiene che il proseguimento degli aumenti dei tassi di interesse sia necessario anche perché sostiene il tasso di cambio del fiorino, che a sua volta ha un impatto sull’inflazione attraverso i prezzi dei prodotti importati.

Ritorno “non ortodosso”. Come valuteranno questo trend gli investitori stranieri?

Péter Kiss, direttore degli investimenti di Amundi Alapkezelő Zrt., ha spiegato che la MNB sta tornando all’uso dei suoi precedenti strumenti di politica monetaria “non ortodossi” e cercherà principalmente di influenzare i tassi di interesse a breve termine gestendo la liquidità interbancaria, ma afferma che è discutibile come gli investitori stranieri valuteranno questo.

Ciò sarà particolarmente difficile da spiegare quando, secondo le previsioni della banca centrale, l’inflazione potrebbe aumentare fino alla fine dell’anno e potrebbe non tornare all’intervallo target fino al 2024, ha osservato Kiss.

Ha accettato che la banca centrale avesse attuato con successo questa politica di liquidità in passato in un contesto di tassi di interesse bassi. Tuttavia, è discutibile il successo dell’approccio vecchio-nuovo con un’inflazione elevata e ancora in aumento nel breve termine. Ciò è particolarmente vero quando le principali banche centrali dei mercati sviluppati stanno per sbarazzarsi degli strumenti non convenzionali e sono obbligate ad aumentare i tassi di interesse nella lotta contro l’inflazione, ha affermato Kiss.

Come cambierà l’inflazione in Ungheria?

Fonte: KSH.hu

Nel frattempo, la MNB ha alzato le sue previsioni inflazionistiche nel suo rapporto sull’inflazione di settembre. In base a ciò, l’inflazione interna continuerà ad aumentare nei mesi autunnali e quest’anno potrebbe raggiungere una media complessiva compresa tra il 13,5 e il 14,5%.

L’inflazione diminuirà lentamente nella prima metà del 2023 e poi in modo più significativo dalla metà dell’anno. L’indice dei prezzi al consumo potrebbe essere compreso tra l’11,5 e il 14% nel 2023 e tornerà nella fascia di tolleranza della banca centrale nella prima metà del 2024, tra il 2,5 e il 4%, afferma la MNB.

Fonte: Questo articolo è stato pubblicato in inglese per la prima volta nel numero cartaceo del Budapest Business Journal del 7 ottobre 2022.

Articoli recenti

Irene Pepe
ITL Group | Marketing & Communications Manager Economia.hu | Editor-in-Chief

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più recenti