L’Angolo della Sostenibilità

Parliamo di sostenibilità!

Nello specifico, parliamo di progetti per lo sviluppo energetico sostenibile. Siano esse imprese private, piuttosto che enti pubblici, singoli individui, collettività od interi Paesi, Economia.hu vuole farsi finestra verso un mondo più responsabile. In linea con i principi di Atlas World, vorremmo offrire la possibilità di entrare in contatto con realtà Ungheresi che vogliono fare la differenza attraverso progetti etici, sostenibili e creativi.

Come?Attraverso una rubrica mensile che possa essere non solo una fonte di conoscenza ma anche un’importante fonte di ispirazione.

Le notizie più importanti degli ultimi mesi in tema di energia sostenibile in Ungheria che abbiamo deciso di riportare in questo articolo sono:

  • E.ON Hungária installa sistemi di immagazzinamento di energia a batteria
  • Powerhouse Energy firma un accordo esclusivo per l’idrogeno sostenibile in Polonia, Ungheria e Grecia
  • Istituita la prima comunità di energia solare in Ungheria

In questo contesto, cogliamo l’occasione per ringraziare il Budapest Business Journal in qualità di fonte di informazioni grazie alla sua newsletter giornaliera “Energy – Today“.

E.ON Hungária installa sistemi di immagazzinamento di energia a batteria

E.ON Hungária, l’unità locale della tedesca E.ON, ha installato un sistema di stoccaggio di energia a batteria che può immagazzinare energia solare a Zánka, sulla riva settentrionale del lago Balaton, nell’Ungheria centro-occidentale.

La batteria solare a Zánka ha una capacità di 1.200 KWh (kilowatt-ora) e può produrre 500 KW.

E.ON Hungária ha anche installato un sistema di accumulo di energia a batteria a Dúzs, nel sud-ovest dell’Ungheria.

Il costo combinato dei due impianti, pari a 1,3 miliardi di fiorini (4,42 milioni di dollari), fa parte del programma IElectrix di E.ON da 3,8 miliardi di fiorini, che sta gettando le basi per un mercato paneuropeo dei sistemi mobili di stoccaggio dell’energia a batteria.

Powerhouse Energy firma un accordo esclusivo per l’idrogeno sostenibile in Polonia, Ungheria e Grecia

L’azienda tecnologica britannica Powerhouse Energy Group Plc, ha firmato un accordo di esclusiva vincolante per la sua tecnologia di energia idrogeno sostenibile in Polonia, Ungheria e Grecia.

L’azienda utilizza rifiuti non riciclabili per produrre idrogeno (H2) destinato principalmente al carburante per i trasporti. 

Powerhouse utilizza rifiuti plastici non riciclabili che altrimenti finirebbero nelle discariche e li converte in carburante idrogeno sostenibile.

Con questo accordo, Powerhouse intende concedere la licenza agli sviluppatori per la fornitura di impianti che forniranno prodotti energetici ecologici nel futuro. 

Hydrogen Utopia International sta lavorando attivamente con l’Unione Europea per ottenere finanziamenti e sovvenzioni, per il primo impianto Powerhouse DMG di waste to energy a Konin, nella Polonia centrale.

L’impianto avrà la capacità di ricevere tutta la plastica non riciclabile dalla Polonia e dai vicini paesi dell’UE per poi distribuire idrogeno a basso costo ed elettricità per alimentare il continente.

Istituita la prima comunità di energia solare in Ungheria

Il consiglio locale della città di Keszthely, situata sulla riva occidentale del lago Balaton, e MVM Optimum, un’unità del gruppo energetico statale MVM, hanno creato la prima comunità di energia solare in Ungheria con la partecipazione di proprietari di case e imprese locali. 

Firmato un contratto per la costruzione di un parco solare di oltre 400 milioni di HUF (circa 1,3 milioni di dollari) e di un impianto di stoccaggio delle batterie.

Il sindaco Balint Nagy ha detto che al progetto pilota hanno aderito famiglie e aziende che non potevano installare autonomamente i pannelli solari.

Il direttore della città intelligente e della comunità energetica di MVM Optimum, Krisztian Huber, ha detto che l’azienda sta contribuendo al progetto con 168 milioni di HUF, mentre il Ministero dell’Innovazione e della Tecnologia sta fornendo 235 milioni di HUF come sostegno.

La comunità dell’energia solare comprende 20 consumatori al dettaglio, cinque piccole imprese e alcune istituzioni locali.

Fonte: bbj.hu

ARTICOLI RECENTI


Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti