Il fiorino ungherese compie 70 anni: storia

Adottato il 1 agosto 1946, poco dopo la fine della seconda guerra mondiale, il fiorino ungherese (HUF) ha appena compiuto 70 anni. 

Un’esibizione temporanea dedicata alla moneta è aperta all’interno del Blocco C dell’Università Corvinus dal 1 agosto al 30 settembre. Introdotta inoltre una moneta da collezione da 10mila fiorini, monete da 2000 fiorini e la versione commemorativa della moneta da 50 fiorini (l’unico taglio realmente in circolazione come moneta, tra i tre menzionati) tutte disegnate da István Kósa. La mostra si intitola “I 70 anni del Fiorino” e ripercorre la storia del sistema monetario del fiorino e fornisce una panoramica sulle monete d’oro del Medioevo. (orari di apertura 10-18 dal lunedì al venerdì).

La valuta prende il nome dalla moneta in uso nella città di Firenze dal 1252, il fiorino d’oro. In precedenza in Ungheria circolava il pengő, che si svalutò in modo drastico durante il biennio 1945-1946. Anche durante l’impero austro-ungarico era usata una moneta dal nome di fiorino, il cui corso fu interrotto con lo scoppio della Grande Guerra e ripreso appunto dopo il secondo conflitto mondiale da parte del Partito Comunista ungherese.

Nel 2008 sono stati ritirate definitivamente le monete da 1 e 2 fiorini, un tempo chiamate “fillér” insieme agli altri spiccioli. Attualmente il taglio più piccolo è da 5 fiorini. Di recente è stata ritirata anche la banconota dal taglio più piccolo, quella da 200 fiorini (taglio invece presente in moneta), lasciando i 500 fiorini come banconota di minor valore. La banconota  più grande sono i 20mila fiorini (circa 60 euro). Il cambio attuale  è di 311 fiorini per 1 euro. 

Foto MTI Bruzák Noémi

Claudia Leporatti 

Redazione Economia.hu 

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti