Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Confermata la chiusura dei confini anche ad ottobre

Il governo ungherese ha esteso di un altro mese i controlli temporanei alle frontiere introdotti il ​​1° settembre per contenere la diffusione del coronavirus, come stabilito dal decreto pubblicato nell’ultimo numero della gazzetta ufficiale Magyar Közlöny (évi 215. szám).

L’Ungheria ha chiuso i suoi confini alla maggior parte degli stranieri il 1° settembre fino al 1° Ottobre a causa dell’alto numero di casi di COVID-19 che avevano avuto origine all’estero. Il nuovo decreto rinvia la data al 1 ° novembre.

Il governo ungherese ha esteso di un altro mese i controlli temporanei alle frontiere introdotti il ​​1° settembre per contenere la diffusione del coronavirus, come stabilito dal decreto pubblicato nell'ultimo numero della gazzetta ufficiale Magyar Közlöny.
Foto: Péter Komka MTI

L’obiettivo del governo, in linea con i risultati dell’ultimo sondaggio pubblico “Consultazione nazionale”, è garantire che il paese sia in grado di funzionare, ha detto Gulyás.

Per quanto riguarda l’economia, Gulyás ha detto che c’erano più di 4,5 milioni di persone occupate, aggiungendo che il governo aveva mantenuto la sua promessa di creare tanti posti di lavoro quanti sono stati persi nella crisi del coronavirus, riporta Hungary Today.

848 nuovi casi di COVID-19 in Ungheria al 1 ottobre 2020

Il numero di persone confermate positive al coronavirus in Ungheria è ora pari a 27.309, scrive abouthungary.hu.

fonte: ECDC

In quarantena domestica obbligatoria: 21.930. Guariti: 6.118. Deceduti: 781.Il numero totale di casi COVID-19 attivi è 20.410. I risultati mostrano che il 37% delle persone positive, il 53% dei deceduti e il 37% delle persone guarite vive a Budapest. Attualmente sono 757 i pazienti ricoverati con il coronavirus, 52 dei quali in ventilazione.

Considerando tutti i casi diagnosticati fino ad ora, il BBJ riporta che Budapest rimane l’area più colpita dell’intero Paese, con il numero di casi (sia attivi che inattivi) che raggiunge i 10.293. La contea di Pest è la seconda più colpita, con 3.737 casi, seguita dalla contea di Győr-Moson-Sopron con 1.367 casi.

Fonte: ECDC

ARTICOLI RECENTI

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti