Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Aziende ungheresi a supporto dell’Ucraina

Aziende ungheresi aiutano lavoratori ucraini a mantenere i collegamenti

Due società ungheresi stanno aiutando le persone ucraine che lavorano in Ungheria a tenersi in contatto con i loro datori di lavoro fornendo un’interfaccia di comunicazione gratuita.

Una terza società offre il telelavoro ai professionisti IT che vivono in Ucraina.

Per i prossimi sei mesi, la società Blue Colibri International Kft. fornirà gratuitamente la piattaforma di comunicazione interna istituzionale e aziendale alle aziende e comunità con il personale ucraino. 

La startup ungherese, Talk-A-Bot, ha reso disponibile la propria soluzione di comunicazione aziendale denominata CHEQ. Tale piattaforma, che fornisce un collegamento immediato tra dipendenti e datori di lavoro, può essere utilizzata gratuitamente per le aziende con dipendenti ucraini che lo richiedono a partire da giovedì 3 Marzo per 60 giorni.

DigiMobil garantisce gratuitamente comunicazione con l’Ucraina

In base ad un ordine legale speciale, DigiMobil si farà carico dei costi delle chiamate dei propri abbonati da e verso i numeri di telefono ucraini e degli SMS dall’Ungheria.

Inoltre, questi servizi saranno gratuiti retroattivamente dal 24 Febbraio e rimarranno in vigore fino alla revoca.

Governo Ungherese istituisce una linea di assistenza per la Transcarpazia

Il governo ha istituito una linea di assistenza nazionale 1357, attraverso la quale i donatori possono effettuare telefonate con 500 fiorini per supportare la regione della Transcarpazia.

Il progetto Bridge for Transcarpathia, é stato annunciato dalla portavoce del governo Alexandra Szentkirályi in un video pubblicato su Facebook.

Il numero di conto per le donazioni aperto dal governo è il seguente: 11711711-22222222.

Ingatlan.com presenta lista di alloggi disponibili per i rifugiati ucraini

Al fine di trovare un alloggio ai 70.000 rifugiati arrivati in Ungheria dall’Ucraina in questi giorni, il portale immobiliare ingatlan.com ha iniziato a raccogliere offerte relative all’alloggio tra i quasi 30.000 proprietari di case e circa 10.000 agenti immobiliari che fanno pubblicità sul portale. 

Mentre alcuni rifugiati hanno trovato un alloggio presso parenti e amici, molte famiglie, comprese donne e bambini, necessitano ancora di un alloggio

In aggiunta alle iniziative di istituzioni statali, municipali e ecclesiastiche, molte organizzazioni e individui si sono offerti di aiutare.

Per ulteriori informazioni riguardo l’iniziativa: inglatan.com/ukrajna

Per vedere la lista delle proprietà partecipi: inglatan.com

Wizz Air offre 100.000 posti gratuiti ai rifugiati

La compagnia aerea ungherese Wizz Air offre ai rifugiati ucraini 100.000 posti gratuiti sui voli per l’Europa continentale in partenza da Ungheria, Polonia, Romania e Slovacchia

 “Wizz Air si impegna ad aiutare i rifugiati a raggiungere le loro destinazioni finali, ovunque esse siano”, ha affermato la compagnia aerea. Inoltre, “Wizz Air ha già aggiunto aerei più grandi e voli extra dai paesi di confine verso l’Europa per aiutare a sostenere il movimento dei rifugiati, se necessario”.

Wizz Air ha riconosciuto che molte persone rifugiate hanno già iniziato a trasferirsi e potrebbero essere bloccati in altre località, quindi offre loro una “tariffa di salvataggio” di 29,99 euro su tutti gli altri voli, esclusi quelli per gli Emirati Arabi Uniti, l’Islanda e le Canarie.

I rifugiati ucraini possono prenotare i voli visitando il sito web wizzair.com/rescue. I passeggeri dovranno fornire il passaporto ucraino o il numero della carta d’identità al momento della prenotazione e al check-in.

Aziende ungheresi offrono lavoro a rifugiati ucraini

Vajda-Papír offre quasi 100 posti di lavoro, mentre l’industria di abbigliamento Styl di Szombathely (215 km a sud-ovest di Budapest) ha 70 posti di lavoro aperti per coloro che fuggono dall’Ucraina.

Inoltre, Vajda-Papir Kft. offre anche alloggi singoli e familiari vicino a ciascuno dei suoi stabilimenti. Per i dipendenti che non parlano ungherese, un interprete aiuterà l’integrazione. 

Nel frattempo, Styl Clothing Factory ha affermato che avrebbe bisogno principalmente di persone esperte in ambito sartoriale. Il proprietario e direttore Tibor Radics ha affermato che i candidati potrebbero ricevere stipendi superiori al proprio in Ucraina.

Per ulteriori informazioni sull’iniziativa di Vajda-Papir Kft. consulta il link: vajdapapir.hu/karrier

Fonti: profitline.hu, napi.hu, hvg.hu, vajdapapir.hu.

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti