Moody: aumenta il rischio di carenza di manodopera

La carenza di manodopera è la principale preoccupazione nelle economie dell’Europa centro-orientale e rappresenta anche un rischio per la crescita nella regione, secondo un rapporto settoriale annuale di Moody’s Investors Service.

L’agenzia di rating internazionale sottolinea che il tasso di posti di lavoro vacanti (ovvero la percentuale non garantita della forza lavoro nell’economia) è aumentato costantemente nella regione dell’Europa centrale e orientale negli ultimi 10 anni.

“La carenza di manodopera nell’Europa centrale e orientale è la più elevata in Europa”, ha affermato Olivier Chemla, vicepresidente di Moody’s – Analista senior e autore del rapporto. “Un eccesso di domanda di lavoro rispetto all’offerta è ben al di sopra della media storica, con oltre un terzo delle imprese manifatturiere CEE che hanno riportato carenze di manodopera nel terzo trimestre di quest’anno”.

La percentuale di imprese manifatturiere che denunciano carenze di manodopera sta aumentando drammaticamente nei paesi CEE. Nel terzo trimestre del 2019, la media regionale non ponderata della percentuale di aziende manifatturiere che hanno avuto problemi di reclutamento è stata del 36,3%. All’interno della media regionale, l’Ungheria aveva la più alta percentuale di aziende manifatturiere che soffrivano di carenza di manodopera, con il 53,7%, secondo il rapporto di Moody. La società sottolinea che, in media nell’Unione europea, il 16,7% delle aziende del settore manifatturiero è a corto di manodopera.

Moody aggiunge che il principale canale diretto attraverso cui la carenza di manodopera limita la qualità del rating del credito sovrano è la forza economica. Le carenze rendono più difficile per le aziende soddisfare le esigenze aziendali e crescere. La situazione può anche causare disallineamenti di competenze, limitando anche la produttività del lavoro e la capacità di innovazione.

Fonte: Moodys | bbj.hu

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti