Ungheria: rimosso il tetto ai prezzi del carburante

Il governo ungherese ha abolito con azione immediata il tetto ai prezzi dei carburanti, per rispondere alla carenza di carburante registrata in tutto il Paese. Secondo il gruppo petrolifero ungherese MOL la situazione critica è dovuta alla mancanza di importazioni e alla corsa alla benzina degli ultimi giorni.

Il termine del periodo del prezzo calmierato era previsto per la fine di dicembre. “Non potevamo aspettare oltre […] perché questo è l’unico modo per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento“, ha dichiarato Gergely Gulyás durante un briefing congiunto con il presidente e amministratore delegato di MOL Zsolt Hernadi, tenutosi martedì sera alle 22:30 con una conferenza straordinaria.

Parlando dei prezzi presso le stazioni di rifornimento MOL, Hernádi ha detto che il diesel costerà 699 HUF/litro e la benzina 641 HUF/litro.

Penzcentrum fa inoltre notare che si tratta di prezzi medi e che potrebbero esserci differenze significative nei prezzi del carburante in Ungheria nelle diverse stazioni di rifornimento. Per questo motivo invita all’attenzione durante il rifornimento, perché una differenza di 50 fiorini per litro può significare un costo extra di 2.500 fiorini nel caso di un serbatoio pieno (calcolato con 50 litri).

MOL: la domanda di carburante delle stazioni di servizio supera la capacità

La domanda di carburante presso le stazioni di servizio locali supera ormai del 30% la capacità logistica giornaliera e, allo stesso tempo, le importazioni di carburante sono “diminuite in modo significativo”, ha dichiarato ieri a Kossuth Rádió l’amministratore delegato di MOL.

Attualmente stiamo lottando per recuperare il ritardo. Le pompe sono a secco praticamente in tutte le nostre stazioni di servizio

ha dichiarato György Bacsa.

“Il carburante in circa 70 delle nostre stazioni, un quarto della rete, è completamente esaurito“, ha aggiunto.

Bacsa ha osservato inoltre che nell’ultima settimana la domanda di benzina è raddoppiata rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre quella di gasolio è aumentata del 50%, tra acquisti dovuti al panico e accumulo di scorte.

Da quando esiste MOL, non si sono verificati incidenti di questo tipo, i partner di MOL per la vendita al dettaglio e all’ingrosso devono fare un passo avanti per alleggerire le attività logistiche sovraccariche, ha affermato. La principale raffineria di MOL sul Danubio, a sud della capitale, è stata riavviata, ma ci vorranno “diverse settimane” per raggiungere la piena capacità, motivo per cui la situazione delle importazioni deve essere risolta, ha aggiunto.

Fonte: BBJ.hu | HVG | Penzcentrum

Articoli recenti

Irene Pepe
ITL Group | Marketing & Communications Manager Economia.hu | Editor-in-Chief

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più recenti