Il divario dell’IVA scende al 6,1%

In Ungheria, la differenza tra le entrate IVA previste e quelle effettivamente raccolte, è sceso al 6,1% l’anno scorso, rispetto al 22,3% del 2010, ha dichiarato il ministro delle Finanze Mihály Varga.

“Questo significa che la morale fiscale è migliorata grazie ai tagli delle tasse e al giro di vite sull’evasione fiscale, mentre il numero di evasori fiscali aziendali è diminuito significativamente”.

Mihály Varga

“I più grandi vincitori sono le aziende che fanno un business onesto”, ha aggiunto.

Ha aggiunto il Ministro delle Finanza

L’ultimo rapporto sul divario IVA preparato per la Commissione europea mostra una previsione di divario IVA per il 2020 del 15,6% nella Repubblica Ceca, del 10% in Polonia e del 17,1% in Slovacchia.

Fonte: bbj.hu | Fonte immagine: Pexels

ARTICOLI RECENTI

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti