Party al Museo delle Belle Arti

Un party al museo, la sera di San Valentino, per salutare i visitatori prima della chiusura, temporanea ma lunga, del Museo di Belle Arti di Budapest chiuderà i battenti il 15 febbraio 2015 per 3 anni di lavori di rinnovo.

Con l’occasione il Museo ha divulgato un video esclusivo aprendo le porte dei suoi sotterranei che saranno realmente aperti domenica 15 febbraio per la prima (e unica?) volta dalla Seconda Guerra Mondiale.

Domenica dalle 14 alle 23 sarà aperta la Sala Romana (Roman Csarnok), chiusa dalla Seconda Guerra Mondiale: un’occasione unica per visitare un’area aperta solo allo staff! L’evento si chiamerà infatti “Staff Only”. Niente prenotazioni: si potrà entrare a gruppi di 30, facendo la fila.
Gli altri eventi della giornata:
dalle 15 alle 19: “Portati a casa un pezzo di museo per ricordo”: Laboratorio di poster e cartoline dal Museo
dalle 15 alle 19: mini concerti nelle sale espositive
ore 15: Collezione Italiana
ore 16: mostra del 19^ secolo
dalle ore 17: collezione moderna
dalle 18: Collection of Ancient Antiquities
Sul Main Stge
Dalle 16 alle 16.45 Proiezione del film: Collage – Opere d’arte viste da dieci famosi ungheresi
Ore 17.00 pm- 17:50 L’età di Rembrandt e della musica europea nel 17^ secolo – concerto dello storico gruppo musicale Musica Historica (István Csörsz Rumenn: lira, chitarra barocca, cornamuse, liuto, Roland Kasza: strumenti a percussione, Attila Kovács: registratori, lyre , liuto, Réka Palócz: vocale, Zoltán Széplaki: registratori, flauti rinascimentali, pipa turca, Zsófia Tövisházi: violino)
7.00 pm- 07:50 Spinoza e Rembrandt – gioco musicale (performance della Spinoza House)
 
Dal Sito del Museo

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti