Il primo giornale italiano sull'economia ungherese

Annunciato accordo con Gazprom per nuove forniture di gas

L’Ungheria ha dichiarato di aver firmato un accordo con il colosso energetico russo Gazprom per 5,8 miliardi di metri cubi di gas naturale extra.

Prima dell’invasione russa in Ucraina, l’Ungheria ha firmato un accordo a lungo termine per ricevere 3,5 miliardi di metri cubi/anno di gas dalla Russia tramite il gasdotto TurkStream e un ulteriore 1 miliardo di metri cubi tramite un gasdotto dall’Austria.

L’Ungheria, che è fortemente dipendente dall’energia russa, riceve circa l’80% del suo gas da Gazprom e si oppone a qualsiasi sanzione dell’UE sul gas russo. Gazprom tuttavia, aveva aumentato le forniture all’Ungheria all’inizio di luglio anche se aveva interrotto i flussi verso altri paesi europei.

Secondo il ministro degli Affari e del Commercio Estero, la quantità massima di gas addizionale erogata ad agosto è stata di 2,6 milioni di metri cubi al giorno, che a partire dal 1° settembre sono stati portati a un massimo di 5,8 milioni di metri cubi al giorno. Un contratto in merito è già stato firmato con la russa Gazprom.

Szijjártó ha affermato che la fornitura di gas extra dipenderà da “problemi tecnici e tecnologici” e che il gas extra “contribuirà alla sicurezza dell’approvvigionamento energetico in Ungheria e ad evitare la necessità di introdurre restrizioni nel paese a causa della carenza di gas”. Secondo il ministro degli Affari e Commercio Estero, l’Ungheria è in una buona posizione in termini di riempimento dei suoi impianti di stoccaggio del gas, che si attestano al 36,5% dei consumi.

In base al contratto gas a lungo termine di 15 anni, la Russia dovrebbero fornire 4,5 miliardi di metri cubi all’anno; tuttavia, dallo scoppio della guerra è arrivato meno gas dall’Austria (da dove arrivavano 1 miliardo di metri cubi dei 4,5 totali) rispetto a quanto precedentemente concordato. È questa carenza che il governo ungherese vuole colmare con questo nuovo quantitativo che sarà consegnato attraverso la Serbia.

Il prezzo è significativamente inferiore a quanto finora pagato sulla base di un accordo firmato nel 1995, e contribuirà a “mantenere i risultati delle riduzioni dei prezzi delle utenze, e i consumatori ungheresi continueranno a pagare uno dei prezzi più bassi d’Europa Unione”, sostiene Szijjártó.

La sicurezza energetica è sempre stata una questione chiave strategica e di sicurezza nazionale nell’Europa centrale, poiché il gas naturale ha un ruolo chiave in questo senso in Europa e in Ungheria. L’UE ha ricevuto il 48% della sua fornitura di gas da Gazprom l’anno scorso, ha affermato il Ministro.

Stoccaggio di gas in Ungheria 4° più alto nell’Unione Europea

La capacità relativa di stoccaggio del gas in Ungheria è la quarta più alta tra gli stati membri dell’Unione Europea, secondo i dati del 28 agosto dalla piattaforma europea Aggregated Gas Storage Inventory, scrive il quotidiano economico Világgazdaság.

Con un livello del 36,35%, l’Ungheria è la quarta in base alla percentuale di consumo. Secondo i dati di fine agosto, l’Austria è in testa (64,37%), seguita dalla Slovacchia (47,98%) e dalla Repubblica Ceca (39,4%).

I commenti di Russia e Ucraina sull’accordo con Gazprom

Elena Burmistrova, la vicepresidente di Gazprom ha accolto con favore l’accordo, affermando che l’uso di una risorsa energetica sicura e affidabile come il gas naturale è “particolarmente significativo per il raggiungimento degli obiettivi climatici“.

Il ministero degli Esteri ucraino ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiara di volersi rivolgere alla Commissione europea per rinviare la riunione del comitato economico ungherese-ucraino. Il ministero ha affermato che la decisione dell’Ungheria sulle rotte di consegna che evitano l’Ucraina è stata “sorprendente e deludente”.

Fonti: BBJ.hu, MTI, Telex.hu, Hungary Today, Euronews

Articoli recenti

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti