Se anche i giovani ungheresi sono “bamboccioni”

Se gli italiani hanno la fama storica di essere troppo attaccati alla mamma e quella più recente di “bamboccioni” ai giovani ungheresi non sta andando troppo meglio.

Secondo uno studio dell’Ufficio Centrale di Statistica (KSH), infatti, quasi un terzo dei cittadini di età compresa tra i 20 e i 39 anni vive ancora con i genitori. Un valore che è raddoppiato rispetto al 1990. Negli scorsi dieci anni – osserva il rapporto – il ritmo di questa allarmante crescita è rallentato, ma gli “adulti bambini” continuano ad aumentare e un crescente numero di individui nella trentina avanzata non si sono mai trasferiti. Secondo l’indagine nel 1990 erano 459mila i giovani tra i 20 e i 39 anni che vivevano ancora con i genitori, mentre nel 2001 erano 819mila, quasi il doppio. Nei dieci anni successivi il ritmo di questo incremento è sceso, ma oggi sono comunque 883mila i “Peter Pan” registrati. Nel complesso il 31,4% dei giovani tra i 20 e i 39 anni vive con i genitori: percentuale che era intorno al 16% nel 1990 ed è arrivata al picco attuale passando per il 28% del 2001.

Claudia Leporatti

 

Redazione Economia.hu

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti