L’inflazione in Ungheria non si è arrestata nemmeno durante la crisi per coronavirus

L’inflazione in Ungheria non si è arrestata nemmeno durante la crisi per coronavirus e abbiamo persino visto un tasso di aumento dei prezzi significativamente più elevato rispetto al mese precedente.

A giugno, i prezzi al consumo in Ungheria sono aumentati del 2,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo quanto riferito dal CSO. Il mese scorso abbiamo assistito a un’inflazione del 2,2%. Gli economisti intervistati da Portfolio prevedevano un aumento dei prezzi del 3% a giugno. L’inflazione ha oscillato più del solito negli ultimi mesi: la volatilità dell’indice dei prezzi è stata significativa a causa dei prezzi del petrolio. L’aumento dei prezzi dei generi alimentari ha spinto i prezzi verso l’alto su base duratura. Inoltre, non si deve dimenticare che è stato molto difficile per il CSO raccogliere dati durante il periodo di coprifuoco e la chiusura parziale dei negozi e la sospensione di alcuni servizi, il che ha aumentato l’incertezza dei dati.

Il grafico mostra l’aumento dell’inflazione in Ungheria | Fonte: Portfolio.hu

Mentre il principale indice di inflazione oscilla in modo significativo, l’indicatore di inflazione core (che filtra, ad esempio, i prezzi dell’energia) si è bloccato al 4% a giugno. Questo indica che esiste una pressione sui prezzi significativa nell’economia ungherese.

Nell’ultimo anno, i prezzi degli alimenti e degli alcolici, del tabacco e del carburante sono aumentati in modo significativo. All’inizio dell’epidemia di coronavirus, il crollo dei prezzi globali del petrolio ha trascinato in basso anche i prezzi del carburante. Ora i prezzi del petrolio sono aumentati in modo sostanziale, causando nuovamente un aumento dei prezzi del carburante. Allo stesso tempo, il significativo indebolimento del fiorino sarà sicuramente sempre più incorporato nei prezzi dei beni di consumo durevoli e di altri prodotti importati. Su base mensile, i prezzi dei prodotti alimentari sono diminuiti, ma l’indice annuale è rimasto elevato (+ 7,8%), il che può essere spiegato dalla fluttuazione della domanda in seguito all’epidemia di coronavirus, problemi passati della catena di approvvigionamento e un’imposta speciale sul settore del commercio al dettaglio.

Andamento dei prezzi | Fonte: Portfolio.hu

Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente:

  • I prezzi dei generi alimentari sono aumentati del 7,8%, 18,1 negli alimenti stagionali (patate, verdure fresche, frutta fresca domestica e regionale combinati), 17,0 nel maiale e 14 nello zucchero. 2, salame, salsiccia secca e prosciutto sono aumentati del 10,8%.
  • Il prezzo medio delle bevande alcoliche è aumentato del 6,7%, mentre i prodotti del tabacco dell’11,1%.
  • I prezzi del carburante dei veicoli sono scesi dell’11,6%.

In un mese, rispetto a maggio:

  • I prezzi al consumo sono aumentati in media dello 0,4%. I prezzi dei prodotti alimentari sono diminuiti dello 0,6%, compresi gli alimenti di stagione (patate, verdure fresche, frutta fresca e agrumi combinati) del 3,2, latte dell’1,7, maiale dell’1,4 e pollame dell’1, È diventato il 3% più economico.
  • Beni e servizi di consumo durevoli sono diventati più costosi dello 0,3%.
  • I carburanti per veicoli costano il 9,3% in più a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio.

Secondo gli economisti intervistati dal Portafoglio a luglio, l’inflazione potrebbe avvicinarsi al 3% alla fine di quest’anno. Un mese prima, si stima che il tasso di aumento dei prezzi a dicembre potrebbe essere del 2,6-2,7%, vale a dire che le previsioni degli esperti erano leggermente più alte.

I dati sull’inflazione potrebbero non aver influito sull’intenzione dell’MNB di effettuare un altro taglio del tasso di interesse a luglio. La banca centrale ha precedentemente indicato che non intende ridurre i tassi di interesse al di sotto dello 0.6%.

Indicatori della possibile inflazione | Fonte: Portfolio.hu

Fonte: Portfolio.hu

ARTICOLI RECENTI:

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti