Le PMI prevedono un aumento dei costi nel 2022

Le PMI ungheresi prevedono che i loro costi aumenteranno del 15%, in media quest’anno, secondo quanto riportato in un sondaggio dell’istituto di ricerca economica GKI (MTI/BBJ.HU).

GKI ha condotto l’indagine sulle PMI non agricole, con un numero di dipendenti superiore a quattro, per valutare meglio l’impatto previsto di un aumento del salario minimo legale e dell’aumento dei prezzi dell’energia.

Le PMI hanno affermato che il sol aumento salario minimo aumenterebbe i loro costi del 7%.

In base a un accordo firmato dai rappresentanti dei datori di lavoro, dei sindacati e del governo a novembre, il salario minimo per i lavoratori non qualificati aumenterà di oltre il 19% fino a 200.000 HUF lordi mensili, mentre il salario minimo per i lavoratori qualificati aumenterà a 260.000 HFU.

Le piccole imprese prevedono un aumento dei costi del 17% , mentre le medie imprese prevedono un aumento dei costi del 13%.

I costi dovrebbero aumentare del 12% nel settore del commercio, del 15% nel settore delle costruzioni e del 17-18% nel settore manifatturiero e dei servizi alle imprese.

In un confronto regionale, i costi dovrebbero aumentare al massimo per le PMI, al 20%, nella contea di Békés, ma saliranno di un moderato 11% nella contea di Pest.

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti