Intervista a Zsuzsanna Juhász: autrice del dizionario economico italiano-ungherese

Dopo un periodo di inattività è tornato online il dizionario economico italiano-ungherese. Il dizionario, si può utilizzare anche nella modalità ungherese-italiano. In vista di questo importante avvenimento abbiamo intervistato Zsuzsanna Juhász, colei che ha ideato il progetto nel 2014 e che lo ha riportato alla luce qualche settimana fa.

Intervista a Zsuzsanna Juhász

Come è nata l’idea di creare un dizionario economico italo-ungherese ?

“L’Università Corvinus, insieme ad altre Università, è sempre stata considerata uno dei centri linguistici più importanti. Qui sin dagli anni ‘50 si è insegnato il linguaggio economico e, negli ultimi anni, lo si insegna in 8 lingue diverse. Io sono stata la prima insegnante di italiano alla Corvinus. Ho iniziato nel 1977 quando ancora era una materia facoltativa, prima che nel 1983 diventasse una materia “ufficiale” all’interno dei corsi”.

All’inizio degli anni ’90, l’Università, o meglio, l’Istituto delle lingue straniere, ha ottenuto il finanziamento dal Fondo per lo Sviluppo dell’Istruzione Superiore. Quindi, tramite la partecipazione di vari economisti universitari è stato prima compilato il corpo ungherese per poi passare alla compilazione del corpo “straniero” nelle varie lingue in base alle esperienze dei partecipanti.

Presso Aula, la casa editrice dell’Università, sono stati creati 6 vocabolari (inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo e italiano) in ambedue le direzioni. Il tutto è avvenuto nell’epoca precedente ad internet, quindi per noi è stata una ricerca veramente dura”.

Come è stato promosso il progetto ? Avete avuto degli aiuti da parte di qualche istituzione?

Negli anni 2000, con l’apparizione di internet nasceva la necessità di un aggiornamento. Nel 2013 ho trovato un modesto finanziamento del Fondo per la Cultura nazionale e così ho convinto l’Università a partecipare ed alla fine abbiamo vinto. Il lavoro è stato lungo perché ho dovuto raccogliere continuamente le novità della terminologia economica e fare le dovute correzioni. Questo lavoro l’ho fatto durante il mio insegnamento”.

Come sono state selezionate le parole da inserire all’interno del dizionario economico ?

“Avevo il corpo ungherese a cui ho integrato molti dei miei appunti personali. Io sono da poco in pensione, ma prima ho insegnato per più di 40 anni l’italiano, quindi avevo una bella raccolta.

“Per la creazione del progetto ho utilizzato vocabolari multilingue, come per esempio inglese-italiano e viceversa. Ci sono pochi materiali in ungherese italiano, quindi ho dovuto fare parecchio lavoro in più”

Perché per questo progetto è stata scelta la lingua italiana ?

“Il mio sogno era quello di aggiornare nuovamente tutti i dizionari che erano in forma cartacea precedentemente. Purtroppo non è stato possibile per una mancata collaborazione tra colleghi. Prima erano tutti cartacei e l’obiettivo era quello di creare dei dizionari online. Per questo al momento abbiamo online solo quello in lingua italiana”.

Come mai il sito è stato offline per un lungo periodo ?

“Per la realizzazione online ci siamo affidati ad una ditta informatica esterna, partner dell’università. Il server dove era stato inserito tutto il lavoro era di loro proprietà. Il progetto aveva una durata di 5 anni e in questo periodo io dovevo mandare tutte le correzioni o novità da inserire. Io sono andata in pensione e quindi da un giorno all’altro il vocabolario online è sparito. Per rimetterlo in piedi ho dovuto contattare tutti gli universitari coinvolti e quindi ci è voluto un po’ di tempo ma ora fortunatamente è nuovamente disponibile online”.

ARTICOLI RECENTI


Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti