Ungheria, opposizione chiede referendum su Paks

La neonata coalizione di sinistra che si presenterà alle elezioni di aprile 2014 cpme alternativa al governo Fidesz ha preso posizione contro l’accordo con la Russia per l’ampliamento della centrale di Paks e chiede il referendum.

Secondo il sondaggio di Medián il 51% degli ungheresi è favore, mentre il 56% è contrario all’espansione di Paks, quantomeno se effettuata da Rosatom e grazie al prestito degli stessi russi.

L’istituto di ricerca ha osservato una crescita del senso critico nell’opinione pubblica magiara: nel 2012 fu il 48% degli intervistati a dichiarare l’urgente necessità di un referendum, a gennaio 2014 la quota è salita al 59%.

Ieri, domenica 2 febbraio, la coalizione di sinistra ha posto l’argomento al centro del suo primo comizio, con discussioni che hanno assunto toni particolarmente accesi durante l’intervento di Ferenc Gyurcsány. L’ex primo ministro ha definito l’avversario Orbán “bugiardo” e “traditore” in relazione al contratto con Rosatom per il quale venerdì è stata presentata la legge in Parlamento. Durante il suo mandato, fa notare oggi la stampa ungherese, lo stesso Gyurcsány aveva dichiarato di vedere come opzione da privilegiare per l’ampliamento della centrale quella del prolungamento della cooperazione con i russi. Per Gordon Bajnai Paks rappresenta “un monumento di questo governo” e simbolizza “tutte le ragioni per cui devono andarsene”. Di certo quello dell’espansione di Paks è un tema che inquieta buona parte dell’opposizione al governo e alcune centinaia di attivisti hanno già cominciato a manifestare il loro dissenso sulle strade di Budapest al grido di “Leválthatom”  invitando a far “saltare” il nucleare con le elezioni del 6 aprile.

Redazione Economia.hu 

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti