MNB: non si tratta di recessione, l’economia ungherese crescerà anche quest’anno

L’attività degli imprenditori mostra che stiamo già emergendo dalla crisi, secondo il rapporto sull’inflazione dell’MNB.

La banca centrale afferma che:

  • il PIL crescerà
  • alla fine dell’anno la disoccupazione sarà di poco peggiore rispetto al periodo pre-epidemia.
  • il rallentamento della crescita dei salari, si rifletterà sulla crisi per qualche tempo.

La Magyar Nemzeti Bank è ottimista, almeno in confronto ad altri attori dello scenario economico. Tuttavia, rispetto ai dati pubblicati precedentemente, hanno abbassato le loro aspettative nel rapporto sull’inflazione appena pubblicato.

MNB-economia crescerà - economiahu
MNB Budapest fonte: hvg.hu

La crescita del PIL potrebbe essere dello 0,3–2,0 per cento nel 2020, del 3,8–5,1 per cento nel 2021 e del 3,5–3,7 per cento nel 2022.

Il governo si aspetta una recessione del 3% mentre la banca centrale stima che l’aumento degli investimenti pubblici e l’espansione dei prestiti alle imprese potrebbero far girare l’economia. Inoltre, sostengono che i consumi delle famiglie rimarranno elevati. Questo, potrebbe essere aiutato da una moratoria sui rimborsi dei prestiti e dai numerosi risparmi accumulati negli ultimi anni.

Previsioni sul mercato del lavoro

Secondo l’MNB, il mercato del lavoro potrebbe essere riorganizzato dalla seconda metà dell’anno. A quel punto, si potrebbero perdere più di centomila posti di lavoro, ma la ripresa potrebbe essere così rapida che l’occupazione nel settore privato diminuirà solo dell’1,5-2,5%. Il tasso di disoccupazione potrebbe aggirarsi intorno al 4,8-5,5 percento quest’anno e poi scendere nuovamente sotto il 4 per cento nel 2021 o nel 2022.

Secondo la banca centrale, i salari cresceranno a un ritmo molto più lento di prima. Quest’anno molte aziende stanno frenando i salari in movimento e i bonus, quindi, i guadagni medi lordi potrebbero aumentare solo dal 6,5 al 7,5 percento. Con la rapida ripresa dell’economia, la concorrenza per l’assunzione di nuova manodopera e il mantenimento dei lavoratori esistenti, si intensificherà nuovamente, quindi la banca centrale prevede un aumento dei salari del 9,1-9,7 per cento nel 2021 e 7,8-8,3 per cento nel 2022.

Molte più persone lavorano part-time nella crisi rispetto a prima, ma solo i lavoratori a tempo pieno sono inclusi nei dati ufficiali sugli utili. Il vero aumento dei salari sarà inferiore a quanto promettono questi numeri.

L’inflazione rimane bassa, secondo la banca centrale. L’indicatore potrebbe essere del 3,2-3,3 per cento quest’anno e il prossimo, mentre potrebbe scendere dal 3,3-3,5 per cento al 2,6-2,7 per cento quest’anno. Il fatto che la crisi non stia alzando l’inflazione è dovuto all’indebolimento della domanda e al rallentamento della crescita dei salari.

L’MNB basa il suo ottimismo sul fatto che molti imprenditori stanno tornando al lavoro.

A marzo e aprile, quasi 40.000 persone sono state sospese a causa dell’epidemia. Da maggio, il numero di persone che hanno lasciato la pausa ha già superato quel numero, suggerendo che la ripresa economica è già iniziata.

Fonte: hvg.hu

ARTICOLI RECENTI:

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti