Defactoring lancia la prima fase del parco logistico

Defactoring Pénzügyi Szolgáltató ha annunciato ieri il lancio della prima fase da 1 miliardo di HUF di un parco logistico che sta costruendo a Biatorbágy (20 km a sud-ovest di Budapest).

La società prevede di investire un totale di 8,5 miliardi di HUF nel LogiCube Park, costruendo 21.000 mq entro il 2028.

La prima fase del progetto, che rappresenta un investimento di 1 miliardo di HUF, inizierà a novembre di quest’anno, con la consegna prevista nell’ultimo trimestre del 2022.

LogiCube Park, sviluppato come uno sviluppo di Defactoring Zrt. offre spazi sostenibili per magazzini e uffici, principalmente per le piccole e medie imprese.

La prima fase del LogiCube Park vedrà la costruzione di un magazzino e di spazi per uffici associati. Le strutture del parco, che saranno costruite in un totale di quattro fasi, offriranno tra 1.000 e 7.500 metri quadrati di magazzino e spazi per uffici in affitto, oltre al parcheggio interno per gli utenti.

Il progetto è iniziato nel 2015 come un investimento greenfield, dove i compiti più importanti sono stati l’introduzione delle utenze e la costruzione di una strada di accesso di alta qualità. Nella costruzione di un parco ideale soprattutto per le PMI, utilizziamo soluzioni efficienti dal punto di vista energetico che includono sistemi di ingegneria a pompa di calore, l’installazione di pannelli solari e la progettazione di facciate verdi per un isolamento più efficiente e un ambiente più vivibile. Abbiamo già iniziato le trattative di locazione, in cui il nostro partner esclusivo è 108 Agency.


Olivér Nagy, CEO di Defactoring Zrt.

Fonte: portfolio.hu | Fonte immagine: Defactoring Zrt.

ARTICOLI RECENTI

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti