L’ammodernamento della centrale nucleare di Paks potrebbe iniziare a settembre

L’ammodernamento della centrale nucleare Paks passerà a settembre, come dichiarato dal ministro degli Affari e del commercio estero Péter Szijjártó, che ha chiarito tutte le domande in sospeso con i dirigenti di Rosatom riguardo all’aggiornamento della centrale.

Questa dichiarazione è stata fatta dopo i suoi colloqui con il CEO di Rosatom Alexey Likhachev a Istanbul, riporta origo.hu.

Sono necessari altri quattro importanti permessi dell’Ufficio nazionale per l’energia atomica (OAH) prima che la fase di attuazione possa iniziare, ha affermato Szijjártó, secondo una dichiarazione rilasciata dal ministero degli Esteri. Di questi, il più importante è il permesso di attuazione, ma sono già state presentate domande anche per gli altri tre, ha affermato.

Il partner russo sta fornendo la documentazione necessaria all’OAH per rilasciare i permessi rimanenti, ha aggiunto.

“Se tutto va secondo l’accordo di oggi, è del tutto realistico che il processo per l’ammodernamento inizi a settembre“, ha detto Szijjártó. L’obiettivo è che i due nuovi blocchi inizino a funzionare nel 2030, aumentando la capacità dell’impianto da 2.000 MW a 4.400 MW, ha affermato.

L’Ungheria farà un grande balzo verso l’indipendenza dell’elettricità; un enorme vantaggio in un momento di irragionevole aumento dei prezzi nel mercato globale”, ha affermato il ministro.

Secondo quanto aveva dichiarato Komarov nel 2018, l’Ungheria aveva a disposizione un prestito russo da 10 miliardi di euro per sostenere il progetto e intendeva disporre per il 40% di fornitori locali.

Fonte: BBJ.HU | Fonte foto: sito web Paks

Articoli recenti

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti