Vicepresidente della MNB: l’unica soluzione è il prestito nella situazione attuale

L’unica soluzione razionale per le banche nell’attuale situazione epidemica è il prestito, ha affermato Márton Nagy, vice governatore della Banca nazionale ungherese (MNB), in una conferenza online.

Nella sua presentazione online intitolata L’effetto dell’epidemia del Coronavirus sul settore bancario ungherese, il vicepresidente della Banca Nazionale Ungherese ha sottolineato: a differenza della crisi precedente, è necessario un sistema bancario anticiclico.

Il comportamento prociclico delle banche non farebbe altro che approfondire la crisi; l’unica soluzione razionale in questa situazione è il prestito, ha detto Nagy alla conferenza organizzata da Portfolio.hu. Il prestito è la chiave sia per la difesa dalle ricadute economiche sia per far ripartire l’economia, ha aggiunto.

Il sistema bancario ungherese è all’altezza del compito e sta ricevendo sostegno dal governo e dall’MNB, ha detto Nagy. Il sistema bancario locale è resiliente, ma la sua capacità di prestito è ancora discutibile, motivo per cui sono state prese misure per rafforzare questa capacità, Nagy ha aggiunto.

Ha affermato che la gestione della liquidità è una priorità nella gestione della crisi e ha elencato una serie di misure che la banca centrale ha adottato per aumentare la liquidità (ad esempio l’allentamento la riserva di conservazione del capitale e la sospensione delle sanzioni in caso di carenza di riserve). Sono stati inoltre introdotti incentivi ai prestiti e ha visto l’avvio l’ultima fase del sistema di finanziamento per la crescita della MNB, il programma FGS GO.

Come hanno reagito le aziende ungheresi alla pandemia?

Ha detto che un sondaggio di MNB mostra che la pandemia ha causato shock sia dal lato dell’offerta che della domanda che avranno un impatto sui clienti al dettaglio e aziendali delle banche.

Circa il 63% delle aziende ha segnalato interruzioni della catena di approvvigionamento dopo l’epidemia di coronavirus e il 58% ha reagito chiudendo la produzione o i servizi entro due settimane, secondo l’indagine. Un terzo delle aziende ha posticipato gli investimenti, il 30% sta soppesando i licenziamenti e il 9% prevede di rimanere indietro nel pagamento delle fatture.

I dati di MNB mostrano i settori più colpiti dal conto pandemico per 700 miliardi di 800 HUF di titoli di credito delle banche. Ha aggiunto conti di credito a breve termine per gran parte dei prestiti societari e le banche devono essere pronti a rinnovare tale situazione.

Circa la metà delle aziende ha difficoltà di liquidità, ha affermato. La maggior parte sta gestendo la situazione scavando nelle riserve e ottimizzando i salari, ha aggiunto.

MNB, così come il governo, prevede un rapido aumento della disoccupazione, ha aggiunto, aggiungendo che il tempo necessario per il recupero del mercato del lavoro richiederebbe circa quattro volte di più, a giudicare dall’esperienza finora.

I mutuatari che lavorano nei settori più vulnerabili all’impatto economico della pandemia rappresentano circa il 60% dello stock di prestiti al dettaglio, ha detto Nagy.

Ha detto che MNB si aspetta che le aziende ritirino circa 900 miliardi di HUF in FGS GO entro la fine dell’anno, e che tutti gli 1,5 trilioni di HUF disponibili possano essere utilizzati entro giugno o luglio del prossimo anno.

  • In base al regime, MNB offre prestiti di rifinanziamento alle banche allo 0% per i prestiti alle PMI con un tasso non superiore al 2,5%. I prestiti possono essere utilizzati per una vasta gamma di scopi, incluso il capitale circolante.
  • Ha previsto un aumento del 5% delle scorte di prestiti alle imprese quest’anno e un ritorno alla precedente crescita a doppia cifra nel 2021.
  • Una contrazione degli esborsi al dettaglio non è ancora stata vista e quel segmento potrebbe iniziare a mostrare di nuovo una crescita a doppia cifra anche nel 2021, ha detto.
  • Il deterioramento o la vulnerabilità del credito dei mutuatari probabilmente causerà perdite di 300 miliardi di 350 HUF per le banche quest’anno, ha detto Nagy. Ha aggiunto che i profitti del settore sono aumentati a 450 miliardi di HUF l’anno scorso.
http://www.itlgroup.eu/economiahu2020/fiorino-ed-economia-ungherese-ai-tempi-del-covid-19-intervista-a-peter-virovacz/

ARTICOLI RECENTI

Fonti : Origo.hu e bbj.hu Foto di copertina: BBJ.HU


Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più letti