Fattori esterni causano l’aumento dell’indice dei prezzi di consumo

Fattori esterni, come l’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, rappresentano l’80% del recente aumento dei prezzi al consumo in Ungheria, ha detto la Banca Nazionale d’Ungheria (MNB) nel suo ultimo rapporto trimestrale sull’inflazione.

La banca centrale ha notato che le attuali previsioni di mercato auspicano aggiustamenti nei prezzi delle materie prime nel 2022, “quindi il ruolo dei fattori esterni dovrebbe diminuire nel medio termine”. 

Hungary Consumer Price Index (CPI) from TradingEconomics

La MNB ha detto nel rapporto che l’inflazione ha raggiunto un picco a novembre al 7,4%, e si prevede che “scenda gradualmente” a partire da dicembre, poiché gli sviluppi a breve termine dell’inflazione sono determinati dall’impatto della base e dagli effetti fiscali, da un tetto ai prezzi del carburante per veicoli e dall’entità del repricing all’inizio dell’anno. 

L’inflazione dovrebbe tornare nella fascia di tolleranza del 2-4% della banca centrale nel quarto trimestre del 2022, prima di raggiungere l’obiettivo di “stabilità dei prezzi” a medio termine del 3% nella prima metà del 2023.

Fonti: BBJ; MNB | Fonti Immagini: TradingEconomics; Pexels

ARTICOLI RECENTI

Articoli recenti

Redazione
La Redazione di Economia.hu e si avvale delle competenze dei professionisti dello studio di consulenza ITL Group, che dal 1995 supporta le aziende italiane della loro crescita in Ungheria. Editor-in-chief: Irene Pepe Leggi di piú nel Chi siamo >https://economia.hu/chi-siamo/

Altri articoli che potrebbero interessare

Instagram

Articoli più recenti